Per sostenere la ricerca in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori, nella dichiarazione dei redditi firma nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il numero di codice fiscale 80019600925
21 August 2021
Il 5x1000 all'Università di Cagliari per sostenere la ricerca scientifica in Sardegna, la formazione dei giovani e lo sviluppo sostenibile di tutta la società

L'ateneo utilizza i proventi del 5x1000 per finanziare borse di studio per dottorati di ricerca e assegni di ricerca a favore di giovani ricercatori

Il 5 x mille è la quota dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) che ogni singolo contribuente può decidere di destinare ad organizzazioni che svolgono attività socialmente rilevanti per favorire il loro lavoro, tra cui Università ed altri enti per la ricerca scientifica. La scelta è a discrezione del cittadino e si effettua tramite il modello 730 oppure il CU.
 

 

LINK: vai alla pagina con tutte le informazioni sul 5x1000 all'Università di Cagliari

 

Per destinare il 5 x mille all'Università degli Studi di Cagliari nella dichiarazione dei redditi è sufficiente firmare nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il codice fiscale 80019600925.

Una scelta che non è alternativa a quella effettuata per l’8x1000
Una scelta che non è alternativa a quella effettuata per l’8x1000

Utilità pubblica e trasparenza

Vedi su www.unica.it come l'Ateneo cagliaritano utilizza i fondi del 5xmille.
 
LINK: modalità di impiego delle risorse del 5x1000

 

Sostieni anche tu il futuro dei nostri giovani, lo sviluppo culturale e tecnologico sostenibile, il lavoro, la salute e la crescita economica dell’Isola

Per la ricerca in Sardegna.
Per sostenere il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori.

LINK: vai alla pagina "Sostieni UniCa"

 

 

 

Un gesto significativo e concreto per tutta la comunità sarda

Donare il 5xmille dell’Irpef all’Università di Cagliari significa sostenere la ricerca scientifica e soprattutto INVESTIRE SUL FUTURO, compiendo un gesto che non costa nulla ma è molto importante per l’elevazione culturale e professionale dei nostri GIOVANI studenti e ricercatori, per il LAVORO e per la CRESCITA di tutta la SARDEGNA.

 


(IC, 18 giugno 2021

Sostieni anche tu la ricerca e lo sviluppo in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori
Sostieni anche tu la ricerca e lo sviluppo in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori

Last news

30 May 2022

Orientamento universitario a Massama e Uta

DIRITTO ALLO STUDIO IN CARCERE. Martedì 31 maggio, dalle 9,30, i responsabili dei corsi di laurea dell’ateneo di Cagliari saranno nella casa di reclusione di Massama (Oristano) per una giornata di orientamento coordinata da Cristina Cabras, delegata del rettore per il Polo universitario penitenziario (Pup) di UniCa. All’incontro con i detenuti, insieme alla direttrice della struttura, Luisa Pesante, anche le professoresse Valentina Onnis, prorettrice orientamento e alumni, e Donatella Petretto, delegata per integrazione sociale e diritti persone con disabilità. Nelle prossime settimane l’appuntamento si ripeterà nella Casa circondariale di Uta (Cagliari)

28 May 2022

Così sopravvive il super batterio anti-radiazioni

Dallo studio guidato dai ricercatori dell’Università di Cagliari Dario Piano e Domenica Farci e realizzato da un network internazionale di studiosi arriva nuova luce su un organismo capace di resistere ad una dose di radiazioni gamma 15mila volte superiori a quelle sufficienti ad uccidere un uomo. Possibili applicazioni in biomedicina per lo sviluppo di antibiotici di nuova generazione e nelle nanotecnologie per lo sviluppo di nuovi biomateriali. RASSEGNA STAMPA

28 May 2022

Economia, ecco cosa ci ha insegnato la crisi

Dalla presentazione del Rapporto CRENoS gli spunti per la ripresa. Emergono alcuni insegnamenti: la dimensione piccola delle imprese espone a maggiori rischi, ma anche una elevata specializzazione produttiva aumenta il rischio. Va poi tenuta in considerazione l’importanza dei servizi pubblici, non solo sanitari. C’è, infine, un disallineamento delle competenze. “Tutto ciò è risaputo, ma non sempre chi disegna le politiche economiche sembra esserne consapevole”, ha avvertito Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica dell’Università di Sassari e coordinatore del Rapporto 2022. RASSEGNA STAMPA

28 May 2022

Storia, ricerca, anatomia: lo straordinario pregio delle cere di Clemente Susini

Fiore all'occhiello dell'ateneo, ospitate in CIttadella dei musei e patrimonio dell'Università di Cagliari, sono state visitate da una delle massime autorità mondiali del settore, Amy Ladd. "Opere assolutamente spettacolari e inarrivabili" ha detto stamani la docente a Stanford e chirurgo ortopedico a Palo Alto. La scienziata è stata accompagnata da Alessandro Riva, Luciano Colombo e Francesco Loy

Questionnaire and social

Share on: