Continuano i colloqui istituzionali, dopo quelli con il Presidente della Regione e il Sindaco del Comune di Cagliari. A Palazzo Belgrano Sua Eccellenza Gianfranco Tomao: al centro del dialogo la situazione degli studenti e delle studentesse durante la pandemia. Il Rettore: “Come Ateneo siamo a disposizione con voi, con il Comune e con la Regione per qualunque iniziativa a favore dei giovani, che sono la categoria che più soffre questa situazione. Questo è il momento di lavorare insieme”. RASSEGNA STAMPA
28 April 2021
Il Rettore Mola accoglie il Prefetto Tomao davanti a Palazzo Belgrano

Il Magnifico ha sottolineato la preoccupazione per la fragilità personale e la disgregazione sociale che potrebbe crearsi per effetto della pandemia: "Per questo potenzieremo il counseling psicologico e attiveremo nuove forme di welfare studentesco"

Sergio Nuvoli

Cagliari, 28 aprile 2021 - Continuano gli incontri istituzionali del Rettore dell’Università degli Studi di Cagliari Francesco Mola. Dopo il Presidente della Regione e il Sindaco del Comune di Cagliari, incontrati proficuamente nei giorni scorsi, oggi il Magnifico ha avuto l’onore di ospitare il Prefetto S. Ecc. Gianfranco Tomao. Hanno partecipato al colloquio il Prorettore vicario Gianni Fenu, il Direttore Generale Aldo Urru e il capo di gabinetto Alessandra Orrù.

Al centro del dialogo, l’importanza del lavoro svolto dall’Ateneo a favore degli studenti e delle studentesse: l’azione svolta a favore dell’internazionalizzazione attraverso i progetti EDUC e FORMED e quella per l’uguaglianza di genere, ma anche la più recente partecipazione ai tavoli coordinati dalla Prefettura per organizzare al meglio la ripresa della didattica in presenza.

“L’università è molto viva – ha detto il Rettore - e per questo speriamo davvero di poter tornare presto alla normalità. Sarà un piacere rivederci in presenza. Tutti gli atenei italiani hanno reagito subito alla pandemia: il nostro ateneo si è prontamente attrezzato, abbiamo lavorato alacremente e in due settimane siamo riusciti a mettere 25mila studenti on line. Ma non è certamente la stessa cosa: siamo preoccupati per la fragilità personale e per la disgregazione sociale che potrebbe crearsi, per questo potenzieremo il counseling psicologico, già attivo, e attiveremo nuove forme di welfare studentesco. Come Ateneo siamo a disposizione con voi, con il Comune e con la Regione per qualunque iniziativa a favore dei giovani, che sono la categoria che più soffre questa situazione. Questo è il momento di lavorare insieme”.

L'accoglienza al Prefetto nella Sala dei Rettori: il Rettore, il Prefetto, il Direttore Generale, il Prorettore vicario, il Capo di gabinetto
L'accoglienza al Prefetto nella Sala dei Rettori: il Rettore, il Prefetto, il Direttore Generale, il Prorettore vicario, il Capo di gabinetto

Soddisfazione è stata espressa al termine della visita istituzionale dal Prefetto: “Oggi ho avuto il piacere di scoprire una realtà come quella dell’ateneo cagliaritano con una storia importante, 400 anni di eccellenza tra le università italiane"

Dopo il colloquio, il Rettore e il Prefetto hanno visitato l’Aula magna e la Sala settecentesca della Biblioteca universitaria, in compagnia del Direttore Martino Marangon, per poi soffermarsi all’interno dei locali che ospitano la Collezione Piloni.

Soddisfazione è stata espressa al termine della visita istituzionale dal Prefetto: “Oggi ho avuto il piacere di scoprire una realtà come quella dell’ateneo cagliaritano con una storia importante, 400 anni di eccellenza tra le università italiane – ha detto - Si tratta di un’università costantemente alla ricerca dell’innovazione senza dimenticare la tradizione e la storia di questa città e di questa isola. Mi pare di poter dire che ci sia la volontà e la passione di tutti - a cominciare dal Rettore - di mantenere viva questa tradizione grazie alla capacità di coniugare la storia e la tradizione con la modernità. Qui si guarda al futuro senza perdere di vista il passato”.

Ha collaborato Roberto Ibba

Un momento dell'incontro
Un momento dell'incontro

RASSEGNA STAMPA

ANSA del 28 aprile 2021

Università Cagliari: neo rettore incontra il prefetto

Dad e internazionalizzazione fra temi colloquio tra Mola e Tomao

28 Aprile , 16:53

(ANSA) - ROMA, 28 APR - Internazionalizzazione, uguaglianza di genere e partecipazione ai tavoli coordinati dalla Prefettura per organizzare al meglio la ripresa della didattica in presenza. Si è parlato anche di questi temi nel corso dell'incontro oggi tra il neo rettore dell'Università di Cagliari Francesco Mola e il prefetto Gianfranco Tomao. "L'università è molto viva - ha detto il rettore - e per questo speriamo davvero di poter tornare presto alla normalità. Sarà un piacere rivederci in presenza. Tutti gli atenei italiani hanno reagito subito alla pandemia: il nostro ateneo si è prontamente attrezzato, abbiamo lavorato alacremente e in due settimane siamo riusciti a mettere 25mila studenti on line. Ma non è certamente la stessa cosa: siamo preoccupati per la fragilità personale e per la disgregazione sociale che potrebbe crearsi, per questo potenzieremo il counseling psicologico, già attivo, e attiveremo nuove forme di welfare studentesco". Dopo il colloquio rettore e prefetto hanno visitato l'aula magna e la sala settecentesca della Biblioteca universitaria: "Oggi ho avuto il piacere di scoprire una realtà come quella dell'ateneo cagliaritano con una storia importante, 400 anni di eccellenza tra le università italiane - ha detto il prefetto Tomao - Si tratta di un'università costantemente alla ricerca dell'innovazione senza dimenticare la tradizione e la storia di questa città e di questa isola. Mi pare di poter dire che ci sia la volontà e la passione di tutti - a cominciare dal Rettore - di mantenere viva questa tradizione grazie alla capacità di coniugare la storia e la tradizione con la modernità. Qui si guarda al futuro senza perdere di vista il passato". (ANSA).

ANSA
ANSA

L'UNIONE SARDA del 29 aprile 2021

Cagliari - pagina 23

Rettore e prefetto, via al dialogo

Dopo il presidente della Regione Christian Solinas e il sindaco Paolo Truzzu, ieri il rettore Francesco Mola ha ospitato il prefetto Gianfranco Tomao. Hanno partecipato al colloquio il prorettore vicario Gianni Fenu, il Direttore generale Aldo Urru e il capo di gabinetto Alessandra Orrù. Al centro del dialogo, il lavoro svolto a favore degli studenti e dell'internazionalizzazione. «L'Università è molto viva – ha detto Mola - e per questo speriamo davvero di poter tornare presto alla normalità. Tutti gli atenei italiani hanno reagito subito alla pandemia: il nostro si è prontamente attrezzato, abbiamo lavorato alacremente e in due settimane siamo riusciti a mettere 25mila studenti on line. Siamo però preoccupati per la fragilità personale e per la disgregazione sociale che potrebbe crearsi, per questo potenzieremo il counseling psicologico, già attivo, e attiveremo nuove forme di welfare studentesco». Il rettore e il prefetto hanno visitato l'Aula magna e la Sala settecentesca della Biblioteca.Soddisfazione è stata espressa dal Prefetto: «Oggi ho avuto il piacere di scoprire una realtà con una storia importante, 400 anni di eccellenza tra le università italiane».

L'articolo su L'Unione Sarda del 29 aprile 2021 a pagina 23
L'articolo su L'Unione Sarda del 29 aprile 2021 a pagina 23

Links

Last news

15 January 2022

Le cere anatomiche di Clemente Susini in vetrina su Italia1

Lunedì, in prima serata tv nazionale, la trasmissione Freedom-Oltre il confine è dedicata a uno dei principali e pregiati tesori dell'Università di Cagliari. Un viaggio tra le straordinarie opere scientifiche e artistiche custodite in Cittadella nel museo fondato da Alessandro Riva e curato dal suo allievo, Francesco Loy

14 January 2022

La solidarietà dell'Ateneo alla studentessa aggredita

L’Università di Cagliari supporta con forza la necessità di denunciare ogni episodio violento di cui si sia vittime o testimoni alle autorità competenti, con le quali conferma un rapporto di massima e fattiva collaborazione, e di promuovere e tenere vivo il dibattito pubblico su questi temi fondamentali per la tutela e l’esercizio dei diritti di cittadinanza sostanziale di tutte e tutti

12 January 2022

Esami e lauree possibili anche a distanza

Lo prevede un decreto firmato dal Rettore Francesco Mola che precisa che “la modalità in presenza potrà essere adottata se, in relazione al numero degli iscritti a ciascun appello, al numero di laureandi e alla disponibilità di spazi adeguati, potranno essere garantite le condizioni di sicurezza previste dai protocolli vigenti”. “Gli organi dell’Ateneo – commenta il Magnifico – stanno portando avanti una costante opera di monitoraggio per garantire la prosecuzione delle attività in sicurezza, calibrando e adottando le misure a seconda dell’evoluzione della situazione”. RASSEGNA STAMPA E SERVIZI DEI TG

Questionnaire and social

Share on: