Lunga intervista con Sandro Demuro, docente di geomorfologia e conservazione dei litorali, al TGR RAI Sardegna sulla pianta superiore i cui cascami si depositano lungo le coste. “La sua stratificazione produce una serie di effetti positivi per i litorali. Occorre un cambio di mentalità, che ne sconsigli la rimozione, specie attraverso mezzi meccanici”. VIDEO
18 March 2021
Intervista con Sandro Demuro realizzata da Alice Monni sulla spiaggia del Poetto il 17 marzo 2021 all'interno di Buongiorno Regione Sardegna condotto in studio da Elisabetta Atzeni

Il docente di geomorfologia e conservazione dei litorali è stato intervistato da Alice Monni in collegamento con la spiaggia del Poetto durante “Buongiorno Regione” Sardegna

Sergio Nuvoli

Cagliari, 17 marzo 2021 – L’importanza della posidonia oceanica per la salute dei nostri mari e delle nostre coste è stata spiegata questa mattina da Sandro Demuro in diretta su RaiTre. Il docente di geomorfologia e conservazione dei litorali è stato intervistato da Alice Monni in collegamento con la spiaggia del Poetto durante “Buongiorno Regione” Sardegna, la striscia informatica quotidiana curata dai giornalisti della redazione giornalistica del Tg regionale della RAI.

Introdotto in studio da Elisabetta Atzeni, l’intervento del professore è servito per illustrare i benefici della permanenza sul litorale di quella che normalmente è considerata un’alga (mentre si tratta di una pianta superiore). “La stratificazione della posidonia oceanica riduce l’energia del mare – ha detto ad esempio Demuro durante la lunga conversazione con la giornalista – e produce di una serie di altri benefici a protezione dell’intero ecosistema. I dati scientifici in nostro possesso dimostrano che più la togliamo, più eliminiamo materiale fondamentale per la vita della nostra spiaggia”.

Un momento dell'intervista
Un momento dell'intervista
Il servizio di Alice Monni andato in onda il 17 marzo 2021 nell'edizione delle 14 del TGR RAI Sardegna

“Da sei anni teniamo sotto controllo l’evoluzione della linea di costa del Golfo degli Angeli – ha spiegato il professore – Sarebbe opportuna un’adeguata campagna di informazione che rovesci il modo di pensare alla posidonia"

Con il MEDCOASTLAB l’Università di Cagliari sorveglia le modifiche della linea di costa e la salute del Golfo degli Angeli. “Da sei anni teniamo sotto controllo l’evoluzione – ha spiegato il professore – Sarebbe opportuna un’adeguata campagna di informazione che rovesci il modo di pensare alla posidonia. Rovesciamo l’idea e sconsigliamo la sua rimozione, soprattutto attraverso l’utilizzo di mezzi meccanici che rovinano la spiaggia”.

Nelle edizioni del TG odierne, andrà in onda un’intervista che riassume i concetti espressi.

MEDCOASTLAB, il taglio del nastro (luglio 2019): Rosa Cidu, Francesco Mola, Sandro Demuro
MEDCOASTLAB, il taglio del nastro (luglio 2019): Rosa Cidu, Francesco Mola, Sandro Demuro

Links

Last news

15 January 2022

Le cere anatomiche di Clemente Susini in vetrina su Italia1

Lunedì, in prima serata tv nazionale, la trasmissione Freedom-Oltre il confine è dedicata a uno dei principali e pregiati tesori dell'Università di Cagliari. Un viaggio tra le straordinarie opere scientifiche e artistiche custodite in Cittadella nel museo fondato da Alessandro Riva e curato dal suo allievo, Francesco Loy

14 January 2022

La solidarietà dell'Ateneo alla studentessa aggredita

L’Università di Cagliari supporta con forza la necessità di denunciare ogni episodio violento di cui si sia vittime o testimoni alle autorità competenti, con le quali conferma un rapporto di massima e fattiva collaborazione, e di promuovere e tenere vivo il dibattito pubblico su questi temi fondamentali per la tutela e l’esercizio dei diritti di cittadinanza sostanziale di tutte e tutti

12 January 2022

Esami e lauree possibili anche a distanza

Lo prevede un decreto firmato dal Rettore Francesco Mola che precisa che “la modalità in presenza potrà essere adottata se, in relazione al numero degli iscritti a ciascun appello, al numero di laureandi e alla disponibilità di spazi adeguati, potranno essere garantite le condizioni di sicurezza previste dai protocolli vigenti”. “Gli organi dell’Ateneo – commenta il Magnifico – stanno portando avanti una costante opera di monitoraggio per garantire la prosecuzione delle attività in sicurezza, calibrando e adottando le misure a seconda dell’evoluzione della situazione”. RASSEGNA STAMPA E SERVIZI DEI TG

Questionnaire and social

Share on: