Il gruppo di ricerca interdisciplinare guidato da Pierluigi Caboni (Scienze della vita e dell'ambiente) e Luigi Atzori (Scienze mediche) partecipa a “ProDGNE” in sinergia con team di ricerca scientifica di importanti università europee, l’Ospedale pediatrico di Ottawa e un’associazione di pazienti. Obiettivo sviluppare nuovi farmaci per il trattamento della miopatia GNE. RASSEGNA STAMPA
22 February 2021
Il team coinvolto nel progetto europeo "ProDGNE"

Si tratta di una malattia genetica rara che esordisce nella prima età adulta e che determina una progressiva degenerazione dell'apparato muscolare: una patologia che colpisce circa 6 soggetti su 1 milione di persone

Sergio Nuvoli

Cagliari, 22 febbraio 2021 - Un team dell’Università di Cagliari partecipa al progetto europeo “ProDGNE” in sinergia con gruppi di ricerca scientifica di importanti università europee (Lisbona, Halle-Wittenberg, Cardiff), la realtà clinica dell'Ospedale pediatrico di Ottawa e l’associazione di pazienti “Gli Equilibristi HIBM”. La notizia arriva a pochi giorni dalla Giornata Mondiale delle Malattie Rare, in programma il prossimo 28 febbraio.

Il progetto di ricerca, della durata di tre anni, ha l'obiettivo di sviluppare nuovi farmaci, sicuri ed efficaci per il trattamento della miopatia GNE. Si tratta di una malattia genetica rara che esordisce nella prima età adulta e che determina una progressiva degenerazione dell'apparato muscolare: una patologia che colpisce circa 6 soggetti su 1 milione di persone in tutto il mondo e che in Italia ha fatto registrare circa 50 casi.

Mediante studi metabolomici e lipidomici, il team guidato da Pierluigi Caboni, coordinatore del corso di Scienze Tossicologiche  e  controllo di qualità al Dipartimento di Scienze della Vita e dell’ambiente, e Luigi Atzori, docente di Patologia clinica al Dipartimento di Scienze mediche, si concentrerà sull’individuazione di biomarcatori in grado di valutare la severità della malattia e l'efficacia dei farmaci sviluppati grazie a questo progetto di ricerca scientifica. In questo contesto Michela Onali, responsabile del progetto per l’associazione “Gli Equilibristi HIBM” afferma che “ProDGNE nasce dall’iniziativa del paziente e ha l’obiettivo di integrare i progressi scientifici e tecnologici con l’effettivo coinvolgimento attivo del paziente come promotore e co-creatore della ricerca in tutte le fasi di R&S (ricerca e sviluppo) del farmaco”. 

Cristina Manis, Cristina Pusceddu, Giulia Tolle e Sefora Starace, dottorande e borsiste nel laboratorio diretto da Pierluigi Caboni
Cristina Manis, Cristina Pusceddu, Giulia Tolle e Sefora Starace, dottorande e borsiste nel laboratorio diretto da Pierluigi Caboni

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 26 febbraio 2021

Agenda - pagina 23

Un team al lavoro

Miopatia genetica, progetto di ricerca

Un team di ricercatori dell'università guidato da Pierluigi Caboni e Luigi Atzori scende in campo contro le malattie rare. Obiettivo sviluppare nuovi farmaci per il trattamento della miopatia genetica, una malattia genetica rara che esordisce nella prima età adulta e che determina una progressiva degenerazione dell'apparato muscolare.
Il progetto
Il gruppo interdisciplinare partecipa al progetto europeo “Prodgne” in sinergia con gruppi di ricerca scientifica di importanti università europee (Lisbona, Halle-Wittenberg, Cardiff), , l'ospedale pediatrico di Ottawa e un'associazione di pazienti. La notizia arriva a pochi giorni dalla Giornata mondiale delle malattie rare, in programma domenica. Il progetto di ricerca, della durata di tre anni, ha l'obiettivo di sviluppare nuovi farmaci, sicuri ed efficaci, per il trattamento della miopatia Gne. Colpisce circa 6 soggetti su un milione di persone in tutto il mondo e che in Italia ha fatto registrare circa cinquanta casi.
I biomarcatori
Mediante studi metabolomici e lipidomici, il team guidato da Pierluigi Caboni, coordinatore del corso di Scienze Tossicologiche e controllo di qualità al Dipartimento di Scienze della Vita e dell'ambiente, e Luigi Atzori, docente di Patologia clinica al Dipartimento di Scienze mediche, si concentrerà sull'individuazione di biomarcatori in grado di valutare la severità della malattia e l'efficacia dei farmaci sviluppati. In questo contesto Michela Onali, responsabile del progetto per l'associazione “Gli Equilibristi Hibm” afferma che Prodgne ha l'obiettivo di integrare i progressi scientifici con l'effettivo coinvolgimento attivo del paziente.

La notizia su L'Unione Sarda del 26 febbraio 2021 a pagina 23
La notizia su L'Unione Sarda del 26 febbraio 2021 a pagina 23

Links

Last news

12 April 2021

Sardegna in zona rossa, da lunedì 12 aprile sospese le attività didattiche in presenza

Messaggio del Rettore Francesco Mola: quanto programmato proseguirà a distanza secondo il calendario stabilito a inizio semestre. "Ci teniamo a ricordarvi che la macchina organizzativa rimarrà comunque sempre attiva - scrive il Magnifico - in modo da consentirci di ripartire con la didattica mista non appena le condizioni sanitarie lo consentiranno". Il Direttore Generale Aldo Urru ha inviato al personale una CIRCOLARE sullo SVOLGIMENTO DELL'ATTIVITA' LAVORATIVA in zona rossa

12 April 2021

Gianni Fenu è il nuovo Prorettore vicario

La nomina contenuta in un decreto firmato dal Rettore Francesco Mola. Fino a pochi giorni fa Presidente della Facoltà di Scienze, il nuovo vice del Magnifico è ordinario di Informatica, vanta più di 130 articoli su riviste internazionali ed è direttore del Centro EFIS per l’e-learning dell’Ateneo. Resterà in carica fino al 2027. RASSEGNA STAMPA

11 April 2021

Tra la terra e il mare

Prosegue senza sosta l’attività di terza missione del team di Sandro Demuro: iniziative in aula e sulla spiaggia per spiegare ai giovani di diverse generazioni come vive la spiaggia, la sua dinamica, di cosa è fatta, quali sono gli impatti dell'uomo su di essa. Ma anche imparare ad amarla. Non solo in Ateneo, ma anche con gli alunni delle scuole medie. RASSEGNA STAMPA

10 April 2021

Il tuo capo è un algoritmo, un seminario su lavoro e trasformazione digitale

Venerdì 16 aprile alle 15, su Zoom e in diretta streaming su YouTube, si terrà il il seminario "Diritti fondamentali e trasformazione digitale del lavoro. Riflessioni a partire dal libro di Aloisi -De Stefano Il tuo capo è un algoritmo". All'evento, organizzato dal Centro Studi Relazioni Industriali e dal Dipartimento di Giurisprudenza di UniCa, parteciperanno Piera Loi, Silvana Sciarra, Valerio De Stefano, Antonio Aloisi e Stefano Liebman. I LINK PER SEGUIRE L'EVENTO. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on: