L’Ateneo di Cagliari primo tra le università negli studi effettuati a livello mondiale sulla conservazione della biodiversità vegetale negli ecosistemi mediterranei: lo svela un'analisi pubblicata sulla rivista internazionale "Mediterranean Botany" che propone lo stato dell'arte delle ricerche sul tema. Anche la Regione Autonoma della Sardegna viene indicata in buona posizione tra i principali enti finanziatori. RASSEGNA STAMPA
18 February 2021
Un'immagine dell'Orto Botanico dell'Università di Cagliari

È stata presa in esame la letteratura che - tra il 1970 e il 2019 - si occupa di questo tema e stilata un'analisi generale dei risultati, approfondendo argomenti rilevanti di biologia della conservazione delle piante

Sergio Nuvoli

Cagliari, 18 febbraio 2021 - L’Università di Cagliari si posiziona al terzo posto, dopo le due principali istituzioni pubbliche nazionali spagnola (CSIC) e francese (CNRS), tra le istituzioni dedite agli studi di biologia della conservazione, e prima tra tutte le università. Il dato – riferito all’affiliazione dei ricercatori - emerge dall’analisi appena pubblicata sulla rivista internazionale “Mediterranean Botany”, che prende in esame gli studi effettuati a livello mondiale sulla conservazione della biodiversità vegetale negli ecosistemi mediterranei. Si tratta di una panoramica dello stato dell'arte nella conservazione delle piante negli ecosistemi di tipo mediterraneo, che evidenzia studi attuali e argomenti trascurati. È stata presa in esame la letteratura che si occupa di questo tema e stilata un'analisi generale dei risultati, approfondendo argomenti rilevanti di biologia della conservazione delle piante.

Dopo aver esaminato i documenti pubblicati dal 1970 al 2019, gli autori evidenziano un interesse crescente per l'argomento, dimostrato dall’aumento del numero di pubblicazioni negli ultimi anni, principalmente a cura dei ricercatori italiani, spagnoli e francesi.

Anche la Regione Autonoma della Sardegna si segnala tra gli enti finanziatori, figurando all'ottavo posto della speciale classifica pubblicata dalla rivista.

La tabella contenuta nello studio pubblicato su “Mediterranean Botany”
La tabella contenuta nello studio pubblicato su “Mediterranean Botany”

L’articolo mette infine in rilievo come da queste collaborazioni sia nata la rete GENMEDA, attualmente costituita da 27 partner di tutto il bacino mediterraneo, che ha come obiettivo principale la salvaguardia della biodiversità vegetale

Lo studio sottolinea inoltre l’importanza della cooperazione in ambito mediterraneo, e la necessità di incrementare progetti transfrontalieri: nella pubblicazione vengono citati come esempi virtuosi i progetti Interreg SEMCLIMED e GENMEDOC, e il progetto ENPI SEMCLIMED, che hanno visto l’Università di Cagliari parte attiva del partenariato.

L’articolo mette infine in rilievo come da queste collaborazioni sia nata la rete GENMEDA, attualmente costituita da 27 partner di tutto il bacino mediterraneo, che ha come obiettivo principale la salvaguardia della biodiversità vegetale. Il presidente della rete è Gianluigi Bacchetta, Direttore del Centro Servizi di Ateneo Hortus Botanicus Karalitanus (HBK) che gestisce l’Orto Botanico dell’Università di Cagliari e attualmente coordinatore di un altro progetto transfrontaliero, BESTMEDGRAPE, che pone i risultati della ricerca scientifica a disposizione per favorire la nascita di nuove imprese in ambito mediterraneo.

Mediterranean Botany è una rivista ad accesso aperto per promuovere lo scambio globale di conoscenze. Facilita l'accesso illimitato ai suoi contenuti dal momento della pubblicazione nella sua edizione elettronica.

Gianluigi Bacchetta, direttore di HBK - Orto Botanico dell'Università di Cagliari
Gianluigi Bacchetta, direttore di HBK - Orto Botanico dell'Università di Cagliari

Il link all'articolo

Articolo scientifico pubblicato su rivista internazionale censita SCOPUS e ISI: Salmerón-Sánchez, E., Mendoza-Fernández, A.J., Lorite, J., Mota J.F.& Peñas, J. 2021. Plant conservation in Mediterranean-type ecosystems. Mediterranean Botany 42, e71333.

La copertina della rivista Mediterranean Botany
La copertina della rivista Mediterranean Botany

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 19 febbraio 2021

Agenda - pagina 21

Terzo posto in Europa

Studi e biodiversità, Ateneo sul podio

Biologia della conservazione, l'Università cagliaritana si piazza al terzo posto, dopo le due principali istituzioni pubbliche nazionali spagnola e francese e prima tra tutti gli atenei. Il dato - riferito all'affiliazione dei ricercatori - emerge dall'analisi appena pubblicata sulla rivista internazionale “Mediterranean Botany”, che prende in esame gli studi effettuati a livello mondiale sulla conservazione della biodiversità vegetale negli ecosistemi mediterranei.
Ecosistemi
Una panoramica dello stato dell'arte nella conservazione delle piante negli ecosistemi mediterranei, che evidenzia studi attuali e argomenti trascurati. Dopo aver esaminato i documenti pubblicati dal 1970 al 2019, gli autori evidenziano un interesse crescente per l'argomento, dimostrato dall'aumento del numero di pubblicazioni negli ultimi anni, principalmente a cura dei ricercatori italiani, spagnoli e francesi. Anche la Regione si segnala tra gli enti finanziatori, figurando all'ottavo posto della speciale classifica pubblicata dalla rivista.
La cooperazione
Lo studio sottolinea inoltre l'importanza della cooperazione in ambito mediterraneo, e la necessità di incrementare progetti transfrontalieri: nella pubblicazione vengono citati come esempi virtuosi i progetti Interreg Semclimed e Genmedoc, e il progetto Enpi Semclimed, che hanno visto l'Università parte attiva del partenariato.
L'articolo mette in rilievo come da queste collaborazioni sia nata la rete Genmeda, costituita da 27 partner di tutto il bacino mediterraneo. Presidente della rete è Gianluigi Bacchetta, direttore del Centro servizi di Ateneo che gestisce l'Orto Botanico.

L'articolo su L'Unione Sarda del 19 febbraio 2021 a pagina 21
L'articolo su L'Unione Sarda del 19 febbraio 2021 a pagina 21

Links

Last news

20 October 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 October 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionnaire and social

Share on: