L'Ateneo di Cagliari aderisce al progetto che punta al riconoscimento dei Monumenti della Civiltà nuragica nel Patrimonio Culturale Universale dell’Unesco, presentato dall’associazione “La Sardegna verso l'Unesco”. Il Senato accademico ha concesso il nulla osta affinchè del Comitato scientifico dell'iniziativa facciano parte Riccardo Cicilloni, Carlo Lugliè, Rossana Martorelli del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali; Gianluigi Bacchetta e Susanna Salvadori del Dipartimento di Scienze della Vita e dell'Ambiente; Giorgio Massacci e Marco Cadinu del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura. RASSEGNA STAMPA
25 November 2020
Un nuraghe, immagine simbolo

L'Università punta a favorire una visione integrata della cultura nuragica, per la quale non si tutelano solo le singole evidenze monumentali, ma l’intero insieme come espressione di un sistema, indissolubilmente legato al territorio

Sergio Nuvoli

Cagliari, 24 novembre 2020 - L’Università degli Studi aderisce al progetto che punta al riconoscimento dei Monumenti della Civiltà nuragica nel Patrimonio Culturale Universale dell’Unesco, presentato dall’associazione “La Sardegna verso l'Unesco”. Lo ha deliberato questa mattina il Senato accademico dell’Ateneo, riunito in modalità da remoto.

“Credo sia importante la collaborazione attiva dell’Ateneo a questa bellissima iniziativa – ha sottolineato Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari – che sarà di sostegno e supporto per rafforzare la validità culturale, già di notevole portata, della richiesta di riconoscimento avanzata”.

Nella stessa seduta, l’organo collegiale ha concesso il nulla osta affinchè alcuni docenti facciano parte del Comitato scientifico del progetto, costituito dall’associazione per predisporre il progetto definitivo che sarà presentato per il riconoscimento. Affinchè sia rappresentativo delle migliori competenze di settore, saranno coinvolti vari docenti: Riccardo Cicilloni, Carlo Lugliè, Rossana Martorelli del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali; Gianluigi Bacchetta e Susanna Salvadori del Dipartimento di Scienze della Vita e dell'Ambiente; Giorgio Massacci e Marco Cadinu del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura. 

Il Palazzo del Rettorato
Il Palazzo del Rettorato

Il direttore del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali: "L'auspicio è che il progetto possa attualizzare le sue importanti potenzialità scientifico-culturali attraverso il pieno coinvolgimento e il contributo critico del Comitato Scientifico"

“Esprimo un duplice auspicio – è il commento di Ignazio Putzu, direttore del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni Culturali - Da un lato, che il progetto possa attualizzare le sue importanti potenzialità scientifico-culturali attraverso il pieno coinvolgimento e il contributo critico del Comitato Scientifico; dall’altro, che tale attualizzazione abbia come via maestra il presupposto culturale che giustamente fonda (e sul quale deve basarsi) l’intera idea: ossia una visione integrata della cultura nuragica, per la quale non si tutelano solo le singole evidenze monumentali, ma l’intero insieme come espressione di un sistema, indissolubilmente legato al territorio in quanto dimensione geografico-naturale e storico-antropica. In quest’ottica, il progetto dovrà farsi necessariamente e coerentemente portatore di una istanza di tutela di tutti i contesti ambientali che ospitano le rimanenze della civiltà nuragica, a partire dai delicati sistemi rurali”.

Ignazio Putzu con Maria Del Zompo, Rettore di UniCa
Ignazio Putzu con Maria Del Zompo, Rettore di UniCa

RASSEGNA STAMPA

L'UNIONE SARDA del 25 novembre 2020

Cagliari - pagina 19

Il progetto per il riconoscimento

Nuraghi patrimonio dell'Unesco I docenti dell'ateneo nel comitato

C'è anche l'Università nel progetto che punta al riconoscimento dei monumenti della civiltà nuragica come patrimonio dell'Unesco. L'adesione è stata deliberata all'unanimità dal Senato accademico dell'Ateneo, riunito in modalità da remoto.
«Credo sia importante la collaborazione attiva dell'Ateneo a questa bellissima iniziativa - ha sottolineato la rettrice Maria Del Zompo - che sarà di sostegno e supporto per rafforzare la validità culturale, già di notevole portata, della richiesta di riconoscimento avanzata». Alcuni docenti faranno parte del Comitato scientifico del progetto dell'associazione "La Sardegna verso l'Unesco" che punta a ottenere il riconoscimento. Sono stati scelti i docenti Riccardo Cicilloni, Carlo Lugliè, Rossana Martorelli del Dipartimento di Lettere, Lingue e Beni culturali; Gianluigi Bacchetta e Susanna Salvadori del Dipartimento di Scienze della Vita e dell'Ambiente; Giorgio Massacci e Marco Cadinu del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura.
«In una visione integrata della cultura nuragica non si tutelano solo le singole evidenze monumentali ma l'intero insieme come espressione di un sistema indissolubilmente legato al territorio - dice Ignazio Putzu, direttore del Dipartimento di lettere e beni culturali -. In quest'ottica, il progetto dovrà farsi necessariamente e coerentemente portatore di una istanza di tutela di tutti i contesti ambientali che ospitano le rimanenze della civiltà nuragica, a partire dai delicati sistemi rurali».
Soddisfazione è stata espressa da Michele Cossa, presidente del Comitato Promotore: «È un'adesione significativa che fa fare al progetto un grande salto di qualità, anche per lo spessore scientifico».

L'articolo su L'Unione Sarda del 25 novembre 2020 a pagina 19
L'articolo su L'Unione Sarda del 25 novembre 2020 a pagina 19

Links

Last news

20 May 2022

Venerdì 27 maggio la presentazione del Rapporto CRENoS

A partire dalle 10 nell’Aula A della Facoltà di Scienze Economiche, Giuridiche e Politiche (in viale Sant'Ignazio n.76, Cagliari) la presentazione del 29mo Rapporto sull’economia della Sardegna che il CRENoS redige ogni anno per analizzare le tendenze economiche recenti e fornire alcune analisi della congiuntura. Dopo i saluti dei rettori dei due atenei sardi, a illustrare i dati sarà Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica all'Università di Sassari. Per accedere nell'aula sarà necessario indossare una mascherina FFP2. L'evento sarà trasmesso in streaming sul canale Youtube dell'Università di Cagliari e sulla pagina Facebook del CRENoS

20 May 2022

Ricerca, dal Fetal programming al come e al quando ci si potrà ammalare

“Dimmi che gestazione hai avuto e ti dirò se e di quali malattie potrai soffrire da adulto”. È stata questa, negli anni '80, l’intuizione dell’epidemiologo David Barker. L'ipotesi sostiene il lavoro, pubblicato dall'European review for medical and pharmacological sciences, curato dal team di specialisti dell’’Università di Cagliari e dell’Aou. La ricerca ha esplorato una casistica di pazienti che  hanno contratto il Covid-19

20 May 2022

UniCa C’è a Monumenti Aperti

Si rinnova anche per l'edizione 2022 la collaborazione tra l'Università degli Studi di Cagliari e la manifestazione Monumenti Aperti, organizzata da Imago Mundi. Otto i siti dell'Ateneo aperti al pubblico nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 maggio: il Palazzo del Rettorato, l'Archivio storico dell'Università, la Collezione Piloni, il MUACC, i giardini della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e sociali, l'Orto Botanico, la Cittadella dei Musei con le sue fortificazioni e il Trentapiedi dei Monumenti a Pirri, realizzato dal laboratorio Vestigia UniCa, coordinato da Fabio Calogero Pinna, docente di Archeologia pubblica

Questionnaire and social

Share on: