Traguardo raggiunto in pieno rispetto dei tempi previsti dal Progetto di cooperazione internazionale SARDEGNA FORMED, ‘Sardegna per il Mediterraneo’. Online il video ISMOKA con l’intervista in cui la studentessa maghrebina parla dell'esperienza maturata in ateneo, dell'impatto con la nostra cultura, delle difficoltà e dei bei momenti vissuti durante i due anni del corso di specialistica della facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche
17 July 2020
Lynda Benhaha

Ivo Cabiddu
 
Proveniente dall’Università Algeri 2, grazie al Progetto Formed, Lynda Behaha ha frequentato a Cagliari i due anni del corso di specialistica in Relazioni internazionali (facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche). Discutendo ieri la tesi “Il processo di decolonizzazione algerina durante il periodo del presidente Houari Boumediene (1965-1978)”, è la prima studentessa a laurearsi nel 2020 esattamente nei tempi previsti dal programma internazionale finanziato dalla Fondazione di Sardegna con borse di mobilità per studenti di Tunisia, Marocco e Algeria.

Nell’occasione la dottoressa Behaha ha rilasciato un’intervista al nostro Ufficio Ismoka (International Students Mobility Office KAralis University of Cagliari), con la sua testimonianza sulle difficoltà incontrate e, soprattutto, sugli aspetti positivi dell’esperienza di formazione maturata nell’ateneo cagliaritano. Clicca qui per il link diretto al video realizzato da Francesca Olivi.
 

SARDEGNA FORMED (Sardegna per il Mediterraneo)

Formare giovani altamente qualificati e promuovere la cooperazione internazionale tra le università della sponda sud del Mediterraneo e della Sardegna. Sono questi alcuni degli obiettivi principali del progetto SARDEGNA FORMED (Sardegna per il Mediterraneo), in cui è da anni protagonista l’ateneo cagliaritano.

Ogni anno il progetto permette a giovani della sponda sud del Mediterraneo di effettuare i loro studi universitari nei due atenei sardi. Le università di Cagliari e Sassari, con il loro ruolo centrale nel bacino, contribuiscono al progetto riconoscendo agli studenti del Maghreb l’esonero dal pagamento delle tasse universitarie, fornendo il necessario supporto organizzativo e garantendo l’accesso ai servizi di accoglienza di norma riservati agli studenti stranieri in mobilità (il visto d’ingresso in Italia, la richiesta del permesso di soggiorno, l’assistenza nel reperimento di una sistemazione logistica in città, l’accesso alle mense di Cagliari e di Sassari, la cura della preparazione linguistica nella lingua italiana).
Al progetto collabora Unimed, l’associazione di atenei appartenenti alle nazioni che si affacciano sul bacino del Mediterraneo, curando i rapporti di cooperazione con le università del Maghreb aderenti al partenariato “Sardegna Formed” e gestendo con loro le procedure di selezione degli studenti beneficiari dell’iniziativa.
 

Nei riquadri alcune immagini tratte dal video Ismoka sull'esperienza della giovane Lynda Behaha all'Università di Cagliari
Nei riquadri alcune immagini tratte dal video Ismoka sull'esperienza della giovane Lynda Behaha all'Università di Cagliari

Links

Last news

20 October 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 October 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionnaire and social

Share on: