La presentazione del progetto coordinato da Mauro Giovanni Carta aprirà il dibattito che si terrà venerdì 28 febbraio nella Sala Atti Parlamentari della Biblioteca: l’iniziativa di un team del nostro Ateneo che ha affiancato l’Organizzazione Mondiale della Sanità viene indicata da esperti e osservatori internazionali come buona pratica da imitare nel campo del rispetto dei diritti umani e dell’inclusione nella società civile delle persone con disabilità psicosociale. Ai lavori è previsto l’intervento di Alessandra Carucci, Prorettore all’Internazionalizzazione di UniCa
20 February 2020
Il team del progetto nel cortile interno del Municipio di Cagliari: al centro Mauro Giovanni Carta

Un'iniziativa di grandissimo rilievo internazionale, che attesta l'autorevolezza scientifica raggiunta dai ricercatori dell'Ateneo di Cagliari anche in un campo delicatissimo come il rispetto dei diritti umani delle persone con disabilità

Sergio Nuvoli

Cagliari, 20 febbraio 2020 – Sarà presentato venerdì 28 febbraio nella Biblioteca del Senato il progetto “QualityRights” sul rispetto dei diritti umani e sull’inclusione nella società civile delle persone con disabilità psicosociale, che ha visto l’Università di Cagliari come partner privilegiato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

L’iniziativa - che si svolgerà nella Sala Atti parlamentari a partire dalle 10.30 - intende approfondire lo stato del dibattito internazionale e aprire una discussione su queste problematiche in Italia. Per farlo, il dialogo tra i relatori partirà dal progetto internazionale coordinato da Mauro Giovanni Carta, docente del nostro Ateneo, che modererà l’incontro insieme a Luciano Carrino. Tra i relatori Alessandra Carucci, Prorettore per l’Internazionalizzazione dell’Università di Cagliari, a testimonianza del grande interesse di UniCa per il progetto e dell'autorevolezza scientifica riconosciuta anche a livello nazionale.

Come si ricorderà, un team del nostro Ateneo ha partecipato alle fasi di sviluppo del progetto e alla messa a punto degli strumenti di valutazione della qualità dei servizi di salute mentale concepiti attraverso una nuova prospettiva che vede il rispetto dei diritti umani come misura chiave della qualità nei servizi di cure.

Dopo la firma dell’agreement nel quale l’OMS affidava all’Università di Cagliari l’azione di implementazione del programma nell’area mediterranea allargata, le due Summer School (nel 2016 e nel 2019) per la formazione dei formatori organizzate nella nostra città in collaborazione con la stessa OMS e con l’Alto Commissariato per i Diritti umani delle Nazioni Unite, hanno rappresentato due momenti importanti per il progetto su scala mondiale, grazie all’intervento di esperti di Europa, Americhe, Asia, Africa e Oceania.

Mauro Carta con Maria Del Zompo durante la prima presentazione del progetto a Palazzo Belgrano
Mauro Carta con Maria Del Zompo durante la prima presentazione del progetto a Palazzo Belgrano

Nuova presentazione del progetto già fissata per il 25 marzo al Geneva Health Forum. Recentemente sono stati pubblicati sul sito dell’OMS gli strumenti nella traduzione ufficiale in italiano, con il copyright riconosciuto all’Università di Cagliari

L’Ateneo di Cagliari ha quindi supportato l’OMS nella costruzione del portale e-learning (grazie ad un finanziamento della Fondazione di Sardegna), in due progetti pilota in Tunisia e Sardegna (grazie al supporto della Regione Sardegna), e in tre progetti nazionali in Libano, Armenia e Ghana (con fondi vinti su bandi competitivi dell’Unione Europea).

Il progetto in Ghana – in particolare - ha avuto vasta eco internazionale. L’organizzazione Human Rights Watch - che aveva ripetutamente denunciato abusi e violazioni dei diritti umani negli ospedali psichiatrici del Ghana e nei cosiddetti “campi di preghiera” dove le persone con problemi di salute mentale sono spesso abbandonate, legate, denutrite e disidratate – ha scritto nell’ultimo report del dicembre scorso che grazie al progetto QualityRights la situazione è sostanzialmente cambiata e negli ospedali psichiatrici si respirava un clima di maggior rispetto delle persone.

Dopo la pubblicazione di questo report, QualityRights è stato presentato come modello da replicare durante il Forum mondiale della salute di Davos nel gennaio scorso ed in particolare sono state citate le azioni in Ghana e nel Gujarat in India (quest’ultima non condotta dall’equipe di UniCa).

E’ anche grazie al riscontro internazionale raggiunto che il progetto verrà presentato alla Biblioteca del Senato: successivamente è già calendarizzata anche una breve presentazione da parte dell’Università di Cagliari al “Geneva Health Forum” (in programma il 25 marzo), legato all’evento di Davos.

Recentemente sono stati pubblicati sul sito dell’OMS gli strumenti nella traduzione ufficiale in italiano, con il copyright riconosciuto all’Università di Cagliari (https://qualityrights.org/resources/assessing-improving-quality-human-rights/)

Mauro Carta intervistato per il TG della RAI da Vincenzo Guerrizio in occasione dell'avvio del progetto a Cagliari
Mauro Carta intervistato per il TG della RAI da Vincenzo Guerrizio in occasione dell'avvio del progetto a Cagliari

Attachments

Last news

28 January 2022

Fotovoltaico ad alto rendimento, gli studi all’Università di Cagliari

CELLE SOLARI A PEROVSKITE. Gli esperti del Dipartimento di Fisica, guidati dal professor Giovanni Bongiovanni, in prima linea nel gruppo internazionale al lavoro per creare applicazioni pratiche di nuova generazione e altamente performanti. Pubblicato dalla rivista scientifica ‘’Energy & Environmental Science’’ uno studio del gruppo di ricerca in fotonica e optoelettronica - prima firma della giovane ricercatrice Angelica Simbula - con i risultati ottenuti grazie a sofisticate misure effettuate nei laboratori universitari del Centro Servizi di Ateneo (CeSAR)

26 January 2022

UniCa per la Giornata della Memoria

Visitabile nell’atrio di Palazzo Belgrano fino a fine mese la mostra "A 80 anni dalle leggi razziali": l’esposizione ricostruisce il clima che determinò l’emanazione delle norme per effetto delle quali vennero espulsi Doro Levi, Camillo Viterbo e Alberto Pincherle. Rimandata di qualche mese a causa della pandemia la posa delle tre pietre di inciampo con i loro nomi

24 January 2022

Un pensiero per cancellare la violenza di genere

La Facoltà di Ingegneria e Architettura lancia un concorso di idee per individuare una citazione che rappresenti in modo significativo la campagna di sensibilizzazione nei confronti del contrasto alla violenza di genere. La frase prescelta sarà incisa su una targa collocata in prossimità della panchina rossa nel giardino della Facoltà, dipinta il 25 novembre scorso in occasione della manifestazione “Una pennellata per cancellare la violenza di genere”. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on: