Alessandro Spano, docente di Economia Aziendale del nostro ateneo, si avvicenda a Carol Steinhaus (Northern Michigan University) e prende la guida dell’International Business Studies Exchange Network. La prestigiosa nomina in Turchia nel corso del recente meeting internazionale
11 December 2019
Nel riquadro il professor Alessandro Spano, del Dipartimento di Scienze economiche ed aziendali dell'Ateneo di Cagliari. Nella cartina sullo sfondo è evidenziata la provincia turca di Smirne

Ivo Cabiddu / Giovanni Marini
 
Un prestigioso traguardo per l’attività di internazionalizzazione dell’Ateneo cagliaritano è stato raggiunto a novembre di quest’anno, in occasione del meeting tenutosi in Turchia fra le istituzioni di istruzione superiore che compongono l’International Business Studies Exchange Network (IBSEN).
  

Ad ospitare la riunione è stata l'Izmir University of Economics (IUE), nella bella cornice della città di Izmir (provincia di Smirne), sulle rive del Mare Egeo. Obiettivo principale del meeting il confronto su tre temi distinti: economia sostenibile, imprenditorialità e innovazione, futuro della formazione aziendale in un mondo digitalizzato. Tra le conclusioni spicca l’accordo per prossime azioni congiunte sul tema dell'imprenditorialità, da decidere e sviluppare insieme, tra tutti i membri del consorzio internazionale. Con gli incarichi per diversi pacchetti di lavoro sono state inoltre discusse ulteriori implementazioni alla cooperazione già esistente. Novità particolare, in questo ambito: i programmi di doppio grado consolidati saranno estesi al livello Master-Degree.

ALESSANDRO SPANO ALLA PRESIDENZA. Nell’occasione è avvenuto anche il passaggio di testimone tra la professoressa Carol Steinhaus - storica presidente del Consorzio, nonché docente di Business Management della Northern Michigan University - e il nostro professor Alessandro Spano, docente di Economia aziendale del Dipartimento di Scienze economiche e aziendali. Per il neo-presidente Spano si profila all’orizzonte l’impegno di coordinare le attività funzionali a ideare percorsi condivisi sia per favorire lo scambio di studenti, docenti e personale amministrativo, sia per lo sviluppo di progetti di ricerca, e il rafforzamento dei rapporti di collaborazione tra i partner del consorzio, con la possibilità di nuovi double degree e multiple degree.

Foto di gruppo del meeting di maggio all'Università di Hallim (Sud Corea). Terzo da sinistra il professor Alessandro Spano
Foto di gruppo del meeting di maggio all'Università di Hallim (Sud Corea). Terzo da sinistra il professor Alessandro Spano

IL CONSORZIO IBSEN, attivo da oltre dieci anni nel campo della mobilità studentesca e nella partecipazione ai programmi di cooperazione accademica finanziati dall’Unione europea, conta 10 università distribuite su 4 continenti, che offrono ai propri studenti l’opportunità di vivere un’esperienza di soggiorno su più istituzioni che costituiscono i nodi della rete consortile. L’università di Cagliari ne fa parte da 9 anni e si è distinta come partner attivo fin dal suo ingresso nel network, sia per la costruzione dell’assetto organizzativo del Consorzio IBSEN, sia nel vestire il ruolo di istituzione di destinazione e di provenienza per la mobilità degli studenti iscritti alle università consorziate.

Un'altra immagine di una riunione IBSEN in Turchia nello scorso mese di novembre
Un'altra immagine di una riunione IBSEN in Turchia nello scorso mese di novembre

I PARTNER. L’International Business Studies Exchange Network è costituito dai seguenti dieci atenei: Bielefeld University of Applied Sciences (Germania), Czech University of Life Sciences (Repubblica Ceca), Hallym University (Corea del Sud), I. H. Asper School of Business (Canada), Izmir University of Economics (Turchia), Northern Michigan University (USA), South Eastern Finland University of Applied Sciences (Finlandia), The Hague University of Applied Sciences (Olanda), Université Polytechnique Hauts-De-France (Francia), Università degli Studi di Cagliari (Italia).

Last news

20 January 2022

Ricerca, tra sostenibilità, pratiche e materiali innovativi in edilizia

Domani pomeriggio, la quarta conferenza curata dai ricercatori del Dicaar inquadra le dinamiche inerenti il settore delle costruzioni. Dalla riduzione dei consumi ad approcci sistemici e multidisciplinari passando per modelli circolari ed emissioni climateranti. All’evento prendono parte specialisti ed esperti di atenei d’oltre Tirreno. I lavori si possono seguire in diretta streaming

20 January 2022

Un accordo con l’Istituto Giua

Siglata dal Rettore Francesco Mola e dalla Dirigente Romina Lai una convenzione che punta a creare un rapporto di stabile collaborazione per costituire un polo strategico in grado di potenziare l’attività didattica, di formazione, orientamento e ricerca. Si rafforza il rapporto con il mondo dell’istruzione

20 January 2022

Giustizia smart, in campo l’Università di Cagliari

Coinvolge i docenti di tre dipartimenti dell’Ateneo del capoluogo sardo uno dei sei macro-progetti ammessi al finanziamento dalla Direzione generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del Ministero della Giustizia nell’ambito del bando per “la diffusione dell’Ufficio per il Processo e l’implementazione di modelli operativi innovativi negli uffici giudiziari per lo smaltimento dell’arretrato”. In campo Giurisprudenza, Scienze economiche e aziendali e Ingegneria elettrica ed elettronica

Questionnaire and social

Share on: