Scienze mediche e Sanità pubblica, pubblicato sulla rivista internazionale “Chemical Geology” un lavoro che il gruppo di ricerca coordinato da Marco Schintu svolto in collaborazione con il Department of Marine Sciences dell’Università di Calcutta (India). Nuove prospettive per la ricerca scientifica e per la collaborazione di UniCa con gli atenei di un grande Paese emergente
29 November 2019
L'accumulo di rifiuti sulla riva del Gange (foto da Repubblica.it)

Sergio Nuvoli

Cagliari, 28 novembre 2019 - È stato recentemente pubblicato sulla rivista internazionale “Chemical Geology” un lavoro che il gruppo di ricerca coordinato da Marco Schintu (docente al Dipartimento di Scienze Mediche e Sanità Pubblica) ha svolto in collaborazione con il Department of Marine Sciences dell’Università di Calcutta (India).

Lo studio, durato due anni, ha riguardato la potenziale rimobilizzazione di metalli pesanti quali cadmio e piombo dai sedimenti inquinati dell’estuario del Gange, un sistema idrodinamico estremamente complesso che sfocia nel Golfo del Bengala, valutando il rischio di una loro introduzione nella catena trofica.

Oltre che per il suo contenuto scientifico, il lavoro è importante perché apre la porta a future collaborazioni di UniCa con le università di un grande Paese emergente quale l’India. Lo studio sarà presto seguito da un altro progetto nel quale l’inquinamento delle acque dell’estuario del Gange sarà valutato per la prima volta con tecniche di campionamento passivo dei contaminanti, un campo di ricerca nel quale l’équipe del prof. Schintu è molto attiva in ambito internazionale. Sullo stesso tema partecipa attualmente a due progetti Interreg, SEDRIPORT e MONITOOL.

L'articolo pubblicato da Chemical geology
L'articolo pubblicato da Chemical geology

Last news

16 May 2022

Due nuove iniziative per #UniCa4Ukraine

Continua l'impegno dell'Ateneo per sostenere studentesse, studenti, docenti e personale tecnico-amministrativo ucraini. Nell'ambito del progetto Smile Now sono messe a bando 10 borse di studio per la componente studentesca e all'interno dei progetti Erasmus sarà possibile offrire nuove opportunità di mobilità anche per i componenti dello staff universitario ucraino

15 May 2022

Un lunedì dai tratti speciali: anche l’Università di Cagliari in campo per la Giornata internazionale della luce

Dalle fibre ottiche all'Einstein telescope fino al fotovoltaico. Tra ricerca, tecnologie e conoscenza per un futuro dietro l’angolo. Quattro seminari curati dal corso di studi e dal dottorato in Fisica dell’ateneo per un evento di eccellente pregio accademico e scientifico. “Un'ottima occasione di confronto e approfondimento su scala mondiale. Il nostro ateneo è sempre più vicino alle dinamiche di sviluppo della disciplina" dice Luciano Colombo. All'interno il link per la diretta Zoom

13 May 2022

Salute mentale, ricerca e buone pratiche: l’Università di Cagliari è centrale in ambito mediterraneo

Si è chiuso con successo il confronto, curato dagli specialisti del dipartimento di Scienze mediche e sanità pubblica. “Abbiamo affrontato le conseguenze della pandemia, il problema dei diritti umani, il supporto a migranti e rifugiati, l’impiego delle nuove tecnologie in ambito biomedico" dice Mauro Carta. I lavori hanno avuto per oggetto anche la prevenzione del suicidio e i disturbi dell’umore

13 May 2022

ECCO IL BUCO NERO AL CENTRO DELLA NOSTRA GALASSIA

Gli scienziati hanno svelato la prima immagine del buco nero supermassiccio al centro della nostra galassia, la Via Lattea. Questo risultato è una prova schiacciante che questo oggetto è a tutti gli effetti un buco nero e fornisce indizi importanti per comprendere il comportamento di questi corpi che si ritiene risiedano al centro della maggior parte delle galassie. A ottenere questa immagine, grazie a una rete globale di radiotelescopi, la Collaborazione Event Horizon Telescope (EHT), un team internazionale di cui fa parte Ciriaco Goddi, ricercatore di Fisica all’Università di Cagliari con ricercatrici e ricercatori dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e dell’Università Federico II di Napoli. IMMAGINI e VIDEO. RASSEGNA STAMPA

Questionnaire and social

Share on: