Incontro con il Ministro per il Sud e la Coesione territoriale Giuseppe Provenzano in Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche. Maria Del Zompo: “L’Italia è un Paese che non ha futuro, ma forse nemmeno un presente: bisogna investire in innovazione”. Francesco Pigliaru: “E’ certamente più complicato intervenire per aumentare il senso civico della società rispetto ad un investimento in infrastrutture, ma migliorare la qualità della scuola è davvero essenziale”
26 November 2019
Un'immagine dell'incontro con il Ministro per il Sud

Il Rettore: "Le imprese non innovano, i bambini entrano nel percorso scolastico troppo tardi, non si investe in formazione. Due casi di eccellenza nella ricerca indicano la strada: cerchiamo insieme una strategia"

Sergio Nuvoli

Cagliari, 26 novembre 2019 - “Le imprese non innovano, i bambini entrano nel percorso scolastico troppo tardi, non si investe in formazione. L’Italia però è un Paese che non ha futuro, ma forse nemmeno un presente: occorre avere il coraggio e la determinazione di investire in innovazione”. E’ un quadro a tinte fosche, quello descritto da Maria Del Zompo, Rettore dell’Università di Cagliari, questo pomeriggio nell’Aula Maria Lai della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche per l’avvio della Scuola di Politiche alla presenza del Ministro per il Sud e la Coesione territoriale, Giuseppe Provenzano. L'iniziativa è stata aperta dai saluti del Presidente della Facoltà Stefano Usai e del direttore del Dipartimento di Scienze politiche e sociali, Mariano Porcu.

Ma, nonostante la situazione drammatica descritta dal vertice di UniCa, nelle sue parole c’è una speranza, che passa dall’Università: “Due casi di eccellenza indicano la strada giusta – ha dettagliato con energia il Magnifico – Sono il progetto ARIA, realizzato in una miniera della Carbosulcis, e l’Einstein telescope, che verrà installato in quella di Sos Enattos”.

“E’ una strada da percorrere tutti insieme – ha chiarito - L’università può dare indicazioni importanti, perché non farlo? Dobbiamo soltanto crederci: si può innovare mantenendo la tradizione e senza abbandonare i necessari percorsi biocompatibili. Per investire sull’intelligenza artificiale - per esempio -  servono livelli di formazione diversificati: potrebbe anche essere interessante un investimento anche con i fondi sociali europei”. E ancora: “Sull’Agenda ONU2030 chi vieta di costruire politiche di sviluppo sulle priorità indicate? I dati mostrano anche che in Sardegna aumenta l’occupazione nel cinema: vuol dire che sulla creatività nella nostra regione può nascere ricchezza. Cerchiamo insieme una strategia: dobbiamo osare qualcosa e non aspettare ancora”.

Antonello Cabras, Francesco Pigliaru e Maria Del Zompo
Antonello Cabras, Francesco Pigliaru e Maria Del Zompo

Francesco Pigliaru: "Non bastano i soldi degli investimenti pubblici: puntare solo sulle infrastrutture sarebbe facile, ma anche in definitiva ingenuo. C’è un problema di cultura e di fiducia: le imprese devono crescere insieme"

“Fabiano Schivardi, economista che ha insegnato per qualche anno anche nel nostro Ateneo – ha spiegato Francesco Pigliaru, docente di Economia politica - dimostra in un recente studio che le nostre imprese non sono in grado di sfruttare le possibilità offerte dal digitale. Dobbiamo parlarne di più”.

L’analisi del professore è stata articolata ma molto netta: “Bisogna capire di che malattia soffre il Mezzogiorno: tra gli anni ‘50 e ‘70 cresceva molto di più rispetto al Nord Italia. Intorno agli anni ‘70 questa corsa però si è fermata: il punto è che il gap sul PIL pro capite da allora è rimasto enorme. Occorre capire cosa sta andando male perché le politiche sono come le medicine: se c’è una malattia, serve una diagnosi precisa e soltanto dopo si può pensare alla cura più giusta”.

“Il Mezzogiorno ha infrastrutture molto indietro rispetto alla media nazionale – ha aggiunto - Questo gap può essere nato da due cause: o dalla distrazione dello Stato, come certamente è accaduto, oppure perché quando si spende nel Mezzogiorno, non si ottiene il risultato che viene raggiunto altrove. Alcuni studi mostrano che tra il Trentino e la Calabria – ad esempio - c’è una dispersione nel processo tra l’erogazione dei fondi e la costruzione dell’infrastruttura. Allora forse non bastano i soldi degli investimenti pubblici: puntare solo sulle infrastrutture sarebbe facile, ma anche in definitiva ingenuo. C’è un problema di cultura e di fiducia: le imprese devono crescere insieme. Intervenire per aumentare il senso civico della società è certamente più complicato: in questo senso, migliorare la qualità della scuola è davvero un’azione essenziale”.

Dopo il contributo di Antonello Cabras, Presidente della Fondazione di Sardegna, l’intervento del Ministro ha concluso la serata.

L'intervento di Francesco Pigliaru
L'intervento di Francesco Pigliaru

Last news

27 November 2021

Smart Grid Technologies, evento conclusivo del MOST project

Si svolgerà lunedì 13 dicembre alle 14 il webinar “The Smart Grid as Digital Superhero leading the Energy Transition", appuntamento conclusivo del master dedicato alla formazione di esperti ed esperte nella progettazione e gestione di tecnologie per le reti elettriche di nuova generazione. Il corso di alta formazione è coordinato dall'Università degli Studi di Cagliari e vede la partecipazione di atenei, enti di ricerca e imprese internazionali

27 November 2021

«Tecnologia è Biologia», una conferenza alla Fondazione di Sardegna

Venerdì 3 e sabato 4 dicembre dalle 18, nella sala conferenze della Fondazione di Sardegna a Cagliari, si svolgerà l'iniziativa dedicata alla conoscenza nell'era digitale con il coordinamento scientifico di Silvano Tagliagambe, l'organizzazione di Kitzanos e EjaTv, il sostegno della Fondazione e il patrocinio dell'Università degli Studi di Cagliari. Previsti gli interventi del Magnifico Rettore, Francesco Mola, e della viceministra allo Sviluppo economico, Alessandra Todde

27 November 2021

Orto Botanico e Musei cittadini, verso il biglietto unico

Definito nei giorni scorsi un accordo che fa muovere i primi passi all'intesa firmata qualche settimana fa tra il Rettore Francesco Mola e il Sindaco Paolo Truzzu: Comune e Università favoriscono le visite ai beni culturali introducendo una speciale scontistica a favore di chi visita prima il polmone verde dell'Ateneo e poi i siti di proprietà del Comune, e viceversa. Cresce la sinergia a favore della cultura e della ricerca scientifica: la soddisfazione del Rettore, del Sindaco e dell'Assessora alla Cultura

26 November 2021

Cultura, formazione, supporto e inclusione per dire basta alla violenza sulle donne

Amministratori pubblici, docenti, magistrati, legali, giornalisti e associazioni di categoria assieme in un confronto utile ad innescare pratiche concrete e virtuose su un fenomeno dai numeri agghiaccianti: 109 “muliericidi” solo nel corso di quest’anno. In aula consiglio a Sestu le riflessioni di Maria Paola Secci, Ilaria Annis, Paolo De Angelis, Cristina Ornano, Elisabetta Gola, Antioco Floris, Susi Ronchi, Daniela Pinna e Valeria Aresti

Questionnaire and social

Share on: