In rappresentanza del team del Dipartimento di Scienze della Vita e dell'ambiente che ha firmato lo studio sulla presenza di microplastiche negli scampi e nei gamberi viola pubblicato su Environmental Pollution, Maria Cristina Follesa e Alessandro Cau sono stati ospiti degli studi RAI per una puntata di “Buongiorno Regione Sardegna”, la trasmissione mattutina del TG. Nei giorni scorsi un servizio con le dichiarazioni di Antonio Pusceddu e dello stesso Cau è andato in onda all’interno di “OFFICINA ITALIA”, la prestigiosa rubrica nazionale in onda su RAI3, dopo il rilancio della notizia sui principali quotidiani italiani
19 November 2019
Maria Cristina Follesa e Alessandro Cau intervistati a BgR

Sergio Nuvoli

Cagliari, 19 novembre 2019 – E alla fine si torna a casa: così, dopo aver fatto il giro d’Italia sulle pagine dei principali quotidiani nazionali e una lunga intervista all’interno di GEO, la popolare trasmissione in onda sulle reti nazionali del servizio pubblico, Maria Cristina Follesa e Alessandro Cau sono stati ospiti questa mattina di “Buongiorno Regione”, la trasmissione curata ogni mattina dalla redazione giornalistica del TG della RAI, in onda dalle 7.30.

Maria Cristina Follesa a Buongiorno Regione
Maria Cristina Follesa a Buongiorno Regione
RIVEDI IL PEZZO DELLA PUNTATA CON L'INTERVISTA E IL SERVIZIO SULLA RICERCA

Il motivo è sempre lo stesso: la ricerca pubblicata da “Environmental Pollution” con la firma degli studiosi del Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente diretto da Anna Maria Fadda attira sempre più l’attenzione della stampa. Follesa e Cau hanno spiegato nei dettagli a Chiara Zammitti – la giornalista che li ha intervistati in studio – i dettagli dello studio: “Il prelievo dei campioni – ha rimarcato la docente – è stato effettuato nel corso di una campagna in mare condotta anche per valutare la consistenza delle risorse nell’ambito del Mediterraneo. Abbiamo seguito un preciso protocollo per classificare i rifiuti di natura antropica presenti nelle acque”.

Alessandro Cau durante la trasmissione
Alessandro Cau durante la trasmissione

“Siamo un’isola felice nel Mediterraneo – ha puntualizzato per non dare luogo a eccessivi allarmismi – perché le coste di altre isole hanno una presenza maggiore di plastica”. Alessandro Cau ha quindi specificato che “si tratta di plastica che usiamo nella vita di tutti i giorni, per questo si sta procedendo anche in termini legislativi sul tema: certo, nell’etichetta dei prodotti dovrebbe essere più chiaramente specificato il tipo di materiale”.

La trasmissione è stata ulteriormente arricchita dal servizio di Maria Valeria Vendemmia, molto simile a quello andato in onda su “Officina Italia”, all’interno del quale sono state raccolte le dichiarazioni di Antonio Pusceddu, un altro dei docenti e ricercatori coinvolti nello studio firmato UniCa.

Antonio Pusceddu nel servizio della BGR
Antonio Pusceddu nel servizio della BGR
GUARDA IL SERVIZIO DI MARIA VALERIA VENDEMMIA ANDATO IN ONDA DURANTE "OFFICINA ITALIA"

Links

Last news

31 August 2021

UniCa apre le iscrizioni: scegli il tuo percorso

Per il nuovo anno accademico 40 corsi di laurea triennali, 6 corsi di laurea magistrale a ciclo unico e 37 corsi di laurea magistrale. Quest'anno si arricchisce l'offerta, anche in lingua inglese e con validità internazionale, per chi si immatricola per la prima volta e per chi prosegue gli studi a Cagliari. Tutte le novità, le informazioni sui test di selezione, le agevolazioni sulle tasse e i link ai corsi di studio delle nostre facoltà

31 July 2021

Corso ‘’ESCAPE GAME CHALLENGE’’ e mobilità in Francia – PREAVVISO PER GLI STUDENTI

Per 24 iscritti dell’Università di Cagliari l’opportunità di essere ammessi al corso europeo EDUC di lingua inglese in modalità virtuale, con partecipazione a giochi di squadra insieme ai colleghi di Rennes e di Masayrik-Brno. Una settimana in Francia a febbraio 2022 per i migliori sei studenti finalisti di ogni ateneo. Su Unica.it il BANDO DI SELEZIONE ONLINE DAL 9 AGOSTO

30 July 2021

DONA IL TUO 5x1000 ALL'ATENEO DI CAGLIARI

Per sostenere la ricerca in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori, nella dichiarazione dei redditi firma nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il numero di codice fiscale 80019600925

Questionnaire and social

Share on: