Scadono il 16 settembre le iscrizioni al programma intensivo che si tiene dal 17 al 20 ottobre all’Horse Country di Arborea. Curato dal Centro servizi per innovazione e imprenditorialità dell’Università di Cagliari, il percorso coniuga con successo le istanze del tessuto imprenditoriale con il mondo delle intuizioni e della ricerca
06 September 2019
Il Crea costruisce, forma e perfeziona il percorso tra accademia e tessuto produttivo

La terza edizione del Contamination Bootcamp approda ad Arborea dopo Sardara e Tortolì

Mario Frongia


Lunedì 16 settembre si chiudono le iscrizioni per le imprese che intendono partecipare alla #03Edizione del Contamination Bootcamp. Il programma intensivo di Open Innovation è organizzato dal Crea (Centro servizi di ateneo per l’innovazione e l’imprenditorialità, Università di Cagliari) ed è rivolto alle imprese operanti sul territorio nazionale. A seguire, sulla scorta delle aziende che prenderanno parte ai lavori, verrà indetta la selezione dei ricercatori e start up. Sette rappresentanti di diverse aziende e settori, quattrodici ricercatori dell’ateneo del capoluogo e sette fondatori di startup innovative lavoreranno insieme, dal 17 al 20 ottobre all’Horse country resort (Arborea) per dare vita a soluzioni innovative, sviluppare le soft skills necessarie a guidare i programmi di Open Innovation e tecniche Lean da applicare all'interno della propria aziende e migliorare i propri servizi e prodotti.

 

La Sardegna che mette in gioco idee, formazione avanzata, nuove generazioni e imprese
La Sardegna che mette in gioco idee, formazione avanzata, nuove generazioni e imprese

Un percorso condiviso e modellato su misura che conduce a risultati innovativi

Sul sito del Crea UniCa (http://www.crea.unica.it/contamination-bootcamp-2019/) anche le altre informazioni sul percorso rivolto a manager, imprenditori, responsabili o dipendenti di imprese operanti in tutti i settori merceologici a livello nazionale. Le imprese partecipanti potranno presentare delle challenge innovative e risolvere, grazie all’aiuto di ricercatori e startupper, problematiche reali della propria azienda, impadronendosi inoltre di quegli strumenti utili ad affrontare le sfide e i problemi di domani. “Il risultato è innovativo, tecnologicamente avanzato e competitivo. Ma soprattutto tagliato su misura. Perché sono le richieste delle aziende - spiega Maria Chiara Di Guardo, pro rettore Innovazione e direttore del Crea - a guidare ricercatori e startupper nella ricerca delle soluzioni migliori”. In sostanza, un’efficace esperienza di Open Innovation, un’opportunità per aziende che vogliono davvero migliorarsi. Uno strumento potente per attivare il cambiamento e innescare un circolo virtuoso dell’innovazione. “Un’esperienza unica, coinvolgente e divertente, in una location fantastica che di sicuro resterà indimenticabile, capace di generare un’onda creativa, una grande motivazione nelle persone coinvolte, mettendo in circolo energia positiva” conclude la professoressa Di Guardo.

Informazioni. Crea - via Ospedale 121, Cagliari, www.crea.unica.it – 070-6758484

 

Maria Chiara Di Guardo (seconda da sinistra) con un gruppo di imprenditori giapponesi in visita all'Università di Cagliari
Maria Chiara Di Guardo (seconda da sinistra) con un gruppo di imprenditori giapponesi in visita all'Università di Cagliari

Last news

03 August 2020

Le tecnologie di CentraLabs e il simulatore dell’AC75

Ricerca, scienze nautiche, professionalità. Nei laboratori della Cittadella universitaria di Monserrato l’innovativa classe di imbarcazioni, ideata per partecipare alla 36^ edizione dell’America’s Cup presented by Prada. L’intesa tra gli ingegneri coordinati da Paolo Fadda e 3D Aerospazio di Antonio Depau

01 August 2020

Double degree, ecco i primi laureati

Quattro studenti dell'indirizzo internazionale del corso di laurea in Economia e gestione aziendale hanno tagliato il traguardo perfettamente nei tempi, con il massimo dei voti e con la lode: ottengono, oltre al titolo italiano, anche quello rilasciato dalla University of Applied Sciences di Bielefeld (Germania). E sono stati più forti della pandemia. Maria Del Zompo, Rettore di UniCa: "Sono stati doppiamente coraggiosi, orgogliosa di guidare il nostro Ateneo". Il coordinatore del corso Alessandro Mura: "Quattro giovani davvero brillanti". Il corso è uno dei punti di forza dell'offerta didattica dell'Università di Cagliari. RASSEGNA STAMPA

31 July 2020

I premi AIDIC 2020 ai migliori studenti di UniCa in Ingegneria Chimica

Cerimonia online per l'assegnazione delle borse di studio di Sarlux Saras, Ecotec, Fluorsid e Aidic ai neoingegneri Edoardo Bertolotti, Eleonora Brughitta, Emanuela Gamboni e Lorenzo Agostino Cadinu che stanno proseguendo gli studi all’Università di Cagliari per la Laurea Magistrale in Ingegneria Chimica e dei Processi Biotecnologici. L'iniziativa, coordinata dal professor Massimiliano Grosso, organizzata come ogni anno in collaborazione con l'Associazione Italiana di Ingegneria Chimica. SERVIZIO E VIDEO DELL'EVENTO

31 July 2020

Su REPUBBLICA la strada scelta dall’Università di Cagliari

L’Ateneo è presente nello Speciale che il quotidiano diretto da Maurizio Molinari dedica ai migliori atenei italiani. All’interno anche un servizio firmato da Cristina Nadotti, firma di punta del giornale, con alcune dichiarazioni del Rettore Maria Del Zompo e del Prorettore alla Didattica Ignazio Putzu. Per capire, ancora una volta, perché vale davvero la pena di iscriversi

Questionnaire and social

Share on: