Se ne è discusso alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche: il gruppo di Banking e Finance del Dipartimento di Scienze economiche e aziendali ha riunito a Cagliari i massimi esperti di un settore destinato ad espandersi, perché coniuga i meccanismi tradizionali della finanza con l’impatto sociale degli investimenti e rimette in moto dinamiche virtuose. Decisivo il ruolo degli atenei. Resoconto, VIDEO e GALLERIA FOTOGRAFICA
28 June 2019
Un momento dell'iniziativa: Riccardo Barbieri, Rosella Carè, Luca Piras, Francesco Sanna e Massimo Temussi

Riccardo De Lisa, docente di Economia degli intermediari finanziari: "Un filone di ricerca molto importante, perchè coniuga alla perfezione i compiti primari della nostra Università con la Terza missione"

Sergio Nuvoli

Cagliari, 28 giugno 2019 - Si è svolto ieri sera alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche un convegno nazionale sulla finanza d’impatto che ha riunito a Cagliari alcuni tra i più importanti studiosi di un tema che il gruppo di Banking e Finance del Dipartimento di Scienze economiche e aziendali sta sviluppando: “La nostra attenzione è massima su questo filone di ricerca – ha detto Riccardo De Lisa, docente di Economia degli intermediari finanziari, che con i colleghi Rosella Carè e Luca Piras ha organizzato l’iniziativa - perché avrà fortissime ricadute in termini di terza missione della nostra Università”.

Riccardo De Lisa con Aldo Pavan, direttore del Dipartimento di Scienze economiche e aziendali
Riccardo De Lisa con Aldo Pavan, direttore del Dipartimento di Scienze economiche e aziendali
VIDEOPITCH con Riccardo De Lisa, docente di Economia degli intermediari finanziari

Per Mario La Torre, docente all’Università La Sapienza di Roma, è fondamentale il ruolo delle Università sulla finanza d'impatto: garanzia per il sistema e soggetti promotori di progetti con forte ricaduta sociale misurabile secondo parametri oggettivi

Il motivo lo ha spiegato bene Mario La Torre, docente all’Università La Sapienza di Roma e coordinatore nazionale del progetto di ricerca che ha messo insieme numerosi atenei, tra cui Cagliari: “Discutere di questo tema è fondamentale dopo gli ultimi anni di crisi, che ha messo a dura prova la coesione sociale nel nostro Paese – dice – Oggi si avverte fortissima l’esigenza di porre rimedio a questo stato di cose. La finanza di impatto sociale è uno strumento utilissimo, perché unisce i meccanismi tradizionali della finanza con le ricadute sociali dei progetti finanziati. Da questo punto di vista le università hanno un ruolo fondamentale, perché devono aiutare a declinare la finanza tradizionale in questa nuova veste. Possono inoltre essere soggetti promotori di progetti di finanza di impatto sociale e al tempo stesso soggetti che misurano l’impatto che dai progetti deriva”.

Gli studenti nell'Aula A durante il convegno
Gli studenti nell'Aula A durante il convegno
VIDEOPITCH con Mario La Torre, docente all'Università La Sapienza di Roma, e coordinatore nazionale dell'alleanza tra atenei che lavora sulla finanza d'impatto

Rosaria Giannella, dirigente del Dipartimento Funzione Pubblica, aggiunge: “Esiste un fondo nazionale di innovazione sociale che finanzierà progetti presentati da comuni capoluogo e città metropolitane su tutto il territorio nazionale"

Rosaria Giannella, del Dipartimento Funzione Pubblica, aggiunge: “Esiste un fondo nazionale di innovazione sociale che finanzierà progetti presentati da comuni capoluogo e città metropolitane su tutto il territorio nazionale per l’implementazione e la messa a regime di questo tipo di idee di investimento. Si tratta di sviluppare nuovi modelli di risposta ai bisogni sociali utilizzando partenariati pubblici-privati e strumenti di impatto sociale. Al momento il funzionamento è all’inizio, l’avviso è di pochi mesi fa e si tratta di una possibilità a sportello: si possono presentare le candidature per partecipare, individuando i bisogni a cui rispondere e gli strumenti più opportuni”. “Le università possono essere di supporto ai progetti – sottolinea Giannella – Con i centri di ricerca. gli atenei sono possibili e auspicabili partner dei comuni per la gestione di numerosi aspetti tecnici”.

Rosaria Giannella è dirigente del Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri
Rosaria Giannella è dirigente del Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri
VIDEOPITCH con Rosaria Giannella, dirigente del Dipartimento della Funzione Pubblica

Due confronti a più voci hanno approfondito gli aspetti più importanti del nuovo strumento. Rosella Carè (Dipartimento di Scienze economiche e aziendali): "Tipologia dei soggetti coinvolti, schemi contrattuali e contesto i motivi del possibile successo"

Il motivo del possibile appeal della finanza d’impatto è stato illustrato nei dettagli da Rosella Carè durante la tavola rotonda: “La tipologia di soggetti coinvolti, gli schemi contrattuali e il contesto economico – ha dettagliato - sono gli ingredienti fondamentali per il successo di questo strumento”. Aspetti approfonditi durante un primo confronto a più voci, coordinato da Annarita Trotta (Università Magna Grecia di Catanzaro) tra Raffaella De Felice, segretario generale Social Impact Agenda per l’Italia, Andrea Marcello, dell’European Investment Fund (collegato via skype) e Rosaria Giannella.

Raffaella De Felice, Segretario generale Social Impact Agenda per l’Italia
Raffaella De Felice, Segretario generale Social Impact Agenda per l’Italia

Massimo Temussi (ASPAL): "Noi in Regione stiamo ragionando sulla nuova programmazione: è necessario scegliere le opportunità giuste in una logica di coesione e di collaborazione"

Ricco anche il parterre degli ospiti chiamati successivamente a confrontarsi con i docenti del Dipartimento. Tra questi Massimo Temussi, dirigente dell’ASPAL, Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro: “Occorre ragionare sugli strumenti di welfare sociale che si vogliono adottare – ha suggerito – Noi in Regione stiamo ragionando sulla nuova programmazione: è necessario scegliere le opportunità giuste in una logica di coesione e di collaborazione. Prima della finanza, viene questo aspetto”. Ancora più nello specifico sono scesi Riccardo Barbieri, consigliere di amministrazione SFIRS e delegato ANFIR, Francesco Sanna, Presidente FIDICOOP Sardegna, e Matteo Muntoni, Bando Innovazione Sociale.

L'intervento del Direttore generale dell'ASPAL, Massimo Temussi. Accanto a lui Matteo Muntoni
L'intervento del Direttore generale dell'ASPAL, Massimo Temussi. Accanto a lui Matteo Muntoni

Aldo Pavan, direttore del Dipartimento di Scienze economiche e aziendali: "Occorre puntare su meccanismi semplici immediatamente applicabili dagli operatori genuini del sistema bancario: è una regola anche per la finanza d'impatto"

“C’è il tema della fiducia reciproca tra i soggetti coinvolti nei progetti – ha sintetizzato Luca Piras – Ma anche un tema culturale decisamente più ampio, che sta nel comprendere l’essenza dei meccanismi alla base della finanza d'impatto. I progetti dovrebbero essere concepiti in modo tale che le scelte di ognuno possano indirizzarsi nel modo più semplice e naturale possibile verso i comportamenti virtuosi. In campo previdenziale ci sono già esempi positivi”.

Netto il consiglio di Aldo Pavan, direttore del Dipartimento di Scienze economiche e aziendali, al termine dei lavori: “Come per tutto il settore bancario, è assolutamente necessario puntare su meccanismi semplici che siano immediatamente comprensibili dagli operatori genuini: è una regola a cui nemmeno la finanza d’impatto non può sfuggire”.

Aldo Pavan guida il Dipartimento di Scienze economiche e aziendali
Aldo Pavan guida il Dipartimento di Scienze economiche e aziendali

Links

Last news

24 June 2022

International Smart City School 2022: the challenge of climate change

SUMMER SCHOOL EUROPEA A CAGLIARI. Dal 20 giugno sono iniziate le attività della scuola internazionale sulle smart cities e la sfida imposta dal cambiamento climatico. L’iniziativa dell’Università di Cagliari, curata dal docente Luigi Mundula e organizzata insieme agli altri atenei Ue dell’alleanza Educ - Paris Nanterre, Rennes 1, Potsdam, Masaryk, Pécs - impegnerà studenti e professori delle sei università fino al primo luglio. In programma un ricco calendario di lezioni in lingua inglese, eventi, aperiNET, lavori di gruppo, visite di studio e culturali, con ampio spazio all’interazione dei partecipanti internazionali

24 June 2022

Un percorso che punta sulle persone: inaugurato oggi il master in gestione delle risorse umane

“L’obiettivo è agire sul territorio per rilanciarlo attraverso la formazione di profili di alta professionalità”: così Gianni Fenu, prorettore vicario dell’Università di Cagliari, ha aperto l’incontro inaugurale del master di II livello in Gestione e sviluppo delle risorse umane, che formerà 36 professioniste e professionisti nel settore della gestione e valorizzazione del personale.

23 June 2022

Gestione e sviluppo delle risorse umane: il 24 giugno l’evento inaugurale del master

Nasce in collaborazione con l’ASPAL il nuovo master dell’Università di Cagliari dedicato a formare nuovi manager delle risorse umane. Si tratta di figure chiave per le imprese, sempre più impegnate non solo nel controllo, ma anche nella valorizzazione del personale. L’evento di inaugurazione si svolgerà alle 10 nell’Aula Magna del Rettorato, in via Università 40

23 June 2022

Antonio Pigliaru Workshop on Social Norms & Cultural Codes

Si svolgerà sabato 25 giugno nell’Aula Maria Lai una conferenza internazionale ispirata all'opera di Antonio Pigliaru sul Codice della Vendetta Barbaricina, a 100 anni dalla nascita del giurista, filosofo ed etnografo sardo. Organizzata in occasione della nuova edizione della famosa opera del grande studioso sardo, l'iniziativa metterà a confronto studiosi e ricercatori provenienti da tutto il mondo sulla persistenza e sull'evoluzione delle norme sociali e sul ruolo dei codici culturali e dei codici d’onore

Questionnaire and social

Share on: