UniCa UniCa News News Beni culturali, recupero e conservazione. Alta formazione alla scuola del Dimcm

Beni culturali, recupero e conservazione. Alta formazione alla scuola del Dimcm

Il progetto MaterialiAcademy curato dagli specialisti dell’ateneo si apre il 4 giugno al Parco scientifico e tecnologico. “Puntiamo a sensibilizzare anche l’opinione pubblica su temi con un forte impatto sul restauro del patrimonio isolano” dice il responsabile scientifico, Giorgio Pia
03 June 2019
La Scientific school annovera docenti, tecnici e specialisti di alto profilo scientifico

Edilizia storica e moderna al microscopio

Mario Frongia

Dal martedì 4 a venerdì 7 giugno, il Parco scientifico e tecnologico della Sardegna (Pula), ospita i lavori del progetto MaterialiAcademy e la Scientific school sul tema "Beni culturali dell’edilizia storica e moderna: nuove prospettive nel recupero e nella conservazione dei materiali". Il responsabile scientifico del progetto è Giorgio Pia (docente e ricercatore del Dimcm, Dipartimento di ingegneria meccanica, chimica e dei materiali dell’Università di Cagliari).

 

Giorgio Pia. Docente ambito Scienza e tecnologia dei materiali al Dimcm dell'ateneo di Cagliari Meccanica, Chimica e dei Materiali dell’Università di Cagliari
Giorgio Pia. Docente ambito Scienza e tecnologia dei materiali al Dimcm dell'ateneo di Cagliari Meccanica, Chimica e dei Materiali dell’Università di Cagliari

La scuola: dalle rocce a laterizi, malte e pietre della Sardegna

L’iter formativo della Scientific School prevede interventi tematici di alto profilo scientifico dedicati alla conservazione dei materiali dei beni culturali. Verranno trattate le tematiche inerenti al restauro dei materiali lapidei naturali con un costante riferimento alla loro caratterizzazione, al degrado, alla loro organizzazione in seno all’anatomia costruttiva degli edifici. La pietra naturale è l’elemento costitutivo più diffuso nei beni architettonici della Sardegna e subisce una continua aggressione ambientale. “I problemi legati al consolidamento e alla protezione di alcune rocce della Sardegna sono comuni a quelli di altri paesi, con areali molto vasti. La comunità scientifica - spiega il professor Pia - deve diffondere i risultati delle ultime ricerche su questi temi e comunicarli nell’ambito della Scientific school”.

 

MaterialiAcademy, un mondo in divenire che punta a coinvolgere sempre meglio gli addetti ai lavori e le comunità
MaterialiAcademy, un mondo in divenire che punta a coinvolgere sempre meglio gli addetti ai lavori e le comunità

Staff di primo livello con esperienze, ricerche e competenze maturate sul campo.

 

Il progetto e la scuola si avvalgono della collaborazione degli specialisti Paola Meloni e Roberta Licheri (dipartimento ingegneria meccanica, chimica e dei materiali), Giancarlo Spanu. Nel team anche Marta Cappai e Maria Ludovica Casnedi. MaterialiAcademy ha l’ambizione di diventare una community che offra uno spazio di relazione e comunicazione tra mondo accademico, professionisti, imprese, studiosi e appassionati del settore dei materiali e della loro conservazione con incontri, workshop, laboratori, concorsi di idee e altre iniziative culturali.

 

Da sinistra in senso orario, Giancarlo Spanu, Roberta Licheri e Paola Meloni......
Da sinistra in senso orario, Giancarlo Spanu, Roberta Licheri e Paola Meloni......

Dall'archeologia industriale ai beni del Parco geominerario

La Scuola spazia a 360 gradi sui temi chiave del recupero e della conservazione. Previsti interventi sui lapidei artificiali (malte tradizionali e calcestruzzi moderni). “Il restauro delle architetture moderne rappresenta una sfida strutturale e materica che deve ancora trovare il perfezionamento delle prassi operative, e di cantiere, adattabili alle differenti esigenze conservative esibite dai singoli manufatti. Una serie di interventi - aggiunge Giorgio Pia - illustreranno alcune peculiarità del patrimonio isolano, nella fattispecie alcuni grandi edifici che fanno parte dell’Archeologia industriale che caratterizza il parco geominerario della Sardegna patrimonio dell’Unesco. Queste strutture devono essere oggetto di recupero e restauro e si trovano in condizioni conservative critiche fino alla ruderizzazione”. L'obiettivo della Scuola è migliorare la formazione di un professionista, di un ricercatore o di uno studente che possa interagire nel cantiere di restauro, definire lo stato di conservazione, nonché ipotizzare e discutere le proposte di intervento. In sintesi, le ricadute essenziali sulla preparazione degli allievi derivanti dai contributi delle lezioni possono essere così riassunte: predisposizione del piano operativo per la conservazione con integrazione dei contributi interdisciplinari provenienti dalle discipline precedentemente menzionate.

INFORMAZIONI. www.youtube.com/watch?v=PSJKzER14jo&t=23s;

www.materialiacademy.it;

www.facebook.com/MaterialiAcademy-1073635276149417/?modal=admin_todo_tour;

www.unica.it/unica/protected/152116/0/def/ref/AVS152115;

www.sardegnaricerche.it/index.php?xsl=370&s=386502&v=2&c=3134&nc=1&qr=1&qp=2&vd=2&fa=1&t=3&sb=1

Formazione avanzata senza confini: quattro giorni proficui con al centro anche l'immenso patrimonio isolano
Formazione avanzata senza confini: quattro giorni proficui con al centro anche l'immenso patrimonio isolano

Last news

13 December 2019

Verso un futuro condiviso, con UniCa

Il ruolo dell’Ateneo nella definizione del Piano Strategico della Città Metropolitana di Cagliari: venerdì 13 dicembre a Palazzo Regio numerosi ricercatori intervengono al Forum, il Prorettore vicario Francesco Mola tra i relatori della tavola rotonda

13 December 2019

UniCa con Legambiente per il Bacino del Rio Posada

L’Università di Cagliari è partner del progetto di tutela ambientale “Acqua e fuoco. Dalle cicatrici del passato la mappa per un futuro al riparo dai rischi nel Parco di Tepilora”. In prima linea il Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche grazie al gruppo di ricerca composto dai professori Antonio Funedda, Maria Teresa Melis e Stefania Da Pelo. Questa mattina, su RAITRE, servizio e intervista al prof. Funedda durante il programma televisivo ''BUONGIORNO REGIONE''

13 December 2019

Premio Mazzeo a Fabio Medas

Ancora un risultato di prestigio nazionale assoluto per il giovane ricercatore di Chirurgia Generale al Dipartimento di Scienze Chirurgiche dell'Università di Cagliari: è stato premiato a Napoli con il riconoscimento intitolato al grande chirurgo della scuola napoletana e fondatore della Società Italiana di Chirurgia Oncologica. Dopo la borsa Ettore Ruggeri ottenuta nel 2016, un nuovo e importante successo per Medas, che opera nel reparto di Chirurgia Generale e Polispecialistica della AOU di Cagliari, diretto dal prof. Piergiorgio Calò

Questionnaire and social

Share on: