Il dottor Giorgio Mancosu, relatore nella due giorni di lavori del 23 e 24 maggio all’Université Paris II Panthéon-Assas, è intervenuto sui diritti e sulla tutela dei minori nel web. “Costituzione e Convenzione Onu impongono provvedimenti giuridici e pratici da parte delle pubbliche amministrazioni. Gli esempi dell’Italia”
27 May 2019
Convegno internazionale promosso e coordinato dal professor Gilles J. Guglielmi, direttore del Centro di Diritto Comparato della seconda università di Parigi

Ivo Cabiddu

   
All’Istituto di Diritto comparato di Parigi II - il 23 e 24 maggio, nel Grand Amphithéâtre del Centre Saint-Guillaume - si sono svolte le due giornate del convegno internazionale “L'APPLICATION DES DROITS ET LIBERTÉS PAR LES PERSONNES PRIVÉES : LA LIBERTÉ D'EXPRESSION EN DROIT COMPARÉ” (L’applicazione dei diritti e delle libertà da parte degli enti privati: la libertà di espressione in diritto comparato).

 

Il palazzo dell’Istituto di Diritto comparato a Parigi
Il palazzo dell’Istituto di Diritto comparato a Parigi

Sull’argomento, quanto mai attuale e controverso, si sono confrontati venti ricercatori provenienti da sistemi giuridici differenti tra cui, in rappresentanza dell’Italia, il dottor Giorgio Mancosu, docente di diritto pubblico delle università di Cagliari e di Parigi 2.

Dipendente del nostro ateneo, nello staff del Responsabile per la prevenzione della corruzione e della trasparenza, Giorgio Mancosu è intervenuto sul delicato tema dei diritti dei minori nelle piattaforme online e sulle attuali esperienze in Italia (“Le droit à la liberté d'expression de l'enfant sur les plateformes en ligne. Les chantiers ouverts en Italie”).

Parigi, 23/5/2019 - Giorgio Mancosu al convegno internazionale
Parigi, 23/5/2019 - Giorgio Mancosu al convegno internazionale

Le piattaforme online costituiscono, ormai da diversi anni, una porta d’ingresso quasi esclusiva ad Internet. Non solo per scambiare o vendere beni o servizi, ma anche per ricercare, ricevere e diffondere opinioni ed idee. In altri termini, le piattaforme online costituiscono indiscutibilmente uno strumento privilegiato per l’esercizio della libertà di espressione.
 
La frequenza e la facilità con la quale i minori frequentano queste piattaforme” – ha argomentato lo specialista cagliaritano – “segnala l’influenza che esercitano nello sviluppo della personalità. Ciò impone ai legislatori e alle pubbliche amministrazioni l’adozione di misure giuridiche e pratiche in grado di rispondere alle esigenze di protezione e promozione dell’infanzia, sancite in particolare dalla Costituzione e dalla Convenzione Onu del 1989 sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”.

Dopo aver indagato le tensioni tecno-giuridiche che caratterizzano l’esercizio della libertà di espressione dei minori nell’ambito delle piattaforme online, la relazione e le conclusioni del dottor Mancosu a Parigi sono state incentrate sugli esempi innovativi che derivano dall’approccio italiano, che da qualche anno ha scommesso sul digitale come particolare strumento di educazione.

Nella relazione del dott. Mancosu trattati i diritti e la tutela dell’infanzia e dell’adolescenza anche nel web, con riferimenti alle esperienze nel nostro Paese, alla Costituzione Italiana e alla Convenzione Onu del 1989
Nella relazione del dott. Mancosu trattati i diritti e la tutela dell’infanzia e dell’adolescenza anche nel web, con riferimenti alle esperienze nel nostro Paese, alla Costituzione Italiana e alla Convenzione Onu del 1989

Nella prima giornata di lavori, dopo i saluti di apertura di Guillame Leyte - presidente del secondo ateneo parigino - e l’introduzione della professoressa emerita Elisabeth Zoller, tra gli altri interventi anche quelli di Philippe Cossalter (Université De La Sarre), Xavier Dupré De Boulois (Sorbona), Daniel O. Conkle (Indiana University), Francisco Barbosa (l’université Externado de Bogotà), Aurore Gaillet (Université Toulouse 1), Nathalie Mallet-Poujol (Université de Montpellier), Fabien Marchadier (Facoltà di Diritto di Poitiers), Claus Dieter Classen (Università di Greifswald).

Parigi. Il tavolo dei relatori della prima giornata
Parigi. Il tavolo dei relatori della prima giornata

Nelle sessioni del venerdì sono invece intervenuti Maya Hertig Randall (Università di Ginevra), Idris Fassassi (Université de Picardie-Jules Verne), la dottoranda Suzel Roux (Paris II Panthéon-Assas), Aurélie Duffy-Meunier (Université de Lorraine), Laurence Solis-Potvin ( Université Caen Normandie), Nicolas Gabayet (Università delle Antille), Alexis Le Quinio (Università di Tolone), Marie-Laure Layus (Service juridique du Conseil constitutionnel) e Nicoletta Perlo (Université Toulouse I).

Il tema del convegno internazionale: "L’applicazione dei diritti e delle libertà da parte degli enti privati: la libertà di espressione in diritto comparato"
Il tema del convegno internazionale: "L’applicazione dei diritti e delle libertà da parte degli enti privati: la libertà di espressione in diritto comparato"

A breve gli atti del convegno (6e Colloque International), promosso e coordinato dal professor Gilles J. Guglielmi, direttore del Centro di Diritto Comparato, saranno pubblicati a cura dell’università di Parigi 2 (www.u-paris2.fr/fr).

Nella foto un momento dell'esposizione di Giorgio Mancosu
Nella foto un momento dell'esposizione di Giorgio Mancosu

Attachments

Last news

20 October 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 October 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionnaire and social

Share on: