UNICA RAPPRESENTANTE PER L'ITALIA. Incarico di prestigio per la dottoressa Chiara Garau - del Dipartimento di ingegneria civile, ambientale e architettura (Dicaar) - riconosciuta quale accademica di alto livello dall'European Commission's Directorate-General for Regional and Urban policy
21 May 2019
Annuale competizione per progetti innovativi, finanziati dall’Ue nell'ambito dei fondi della politica di coesione, che dimostrano eccellenza e nuovi approcci per lo sviluppo locale e capacità di ispirare altre regioni

Cagliari, 21 maggio 2019
Ivo Cabiddu
 

La dottoressa Chiara Garau, PhD e ricercatrice in Tecnica e pianificazione urbanistica in forza al Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura (Dicaar) dell’Università di Cagliari, è stata selezionata e convocata dalla Comunità Europea per far parte - unica rappresentante per l’Italia - della giuria valutativa dei progetti RegioStars 2019 insieme a grandissimi esperti ed esponenti accademici nel campo delle smart cities.

RICONOSCIMENTO COMPETENZE. Il prestigioso incarico - comunicato ufficialmente dall'European Commission's Directorate General for Regional and Urban policy lo scorso 13 maggio - consegue al merito e all’esperienza già maturata dalla dottoressa Garau, tra l’altro come Responsabile scientifico e Principal Investigator del progetto "Governing the Smart City: A Governance-Centred Approach To Smart Urbanism".

BANDI REGIOSTARS. Ogni anno la Commissione europea premia i progetti regionali innovativi, finanziati dall’Ue nell'ambito dei fondi della politica di coesione, che dimostrano eccellenza, nuovi approcci nello sviluppo regionale e capacità di ispirare altre regioni e responsabili di progetto in tutta Europa. "I RegioStars Awards" - spiega Chiara Garau - "vengono assegnati dalla giuria a progetti realizzati in su temi riguardanti il mondo smart, la sostenibilità, la crescita inclusiva, lo sviluppo urbano e, in aggiunta, un particolare argomento o ambito scelto per ogni specifica edizione. Quest'anno sono riservati a progetti afferenti a cinque categorie tematiche cruciali per il futuro della politica regionale in Europa: 1) smart growth - promuovere la trasformazione digitale); 2) sustainable growth - collegare le aree verdi e blu con gli spazi (grigi) costruiti; 3) inclusive growth - combattere le disuguaglianze e la povertà; 4) urban development - costruire città resilienti ai cambiamenti climatici; 5) argomento dell'anno - modernizzare i servizi connessi alla salute. Inoltre" - conclude la ricercatrice del Dicaar - "il pubblico deciderà un proprio vincitore attraverso una votazione pubblica online".

Dopo la scadenza per la presentazione dei progetti (9 maggio), il periodo di valutazione inizierà ora il 22 maggio, mentre nelle giornate del 19 e 20 giugno Chiara Garau sarà a Bruxelles per il meeting generale della giuria coordinata da Franziska Sielker, dell’Università di Cambridge UK). La cerimonia di assegnazione dei premi è prevista per il 9 ottobre.

 

SCHEDA

  
CHIARA GARAU
è Ricercatore a tempo determinato (2015) in tecnica e pianificazione urbanistica (ICAR 20), in servizio al Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura (DICAAR) dell’Università di Cagliari. Laureata in Ingegneria Edile-Architettura (2003) e in Scienze della Comunicazione (2013), è dottore di ricerca in Ingegneria del Territorio (2008). È stata componente del comitato scientifico e organizzativo dello Young Academics - Association of European Schools of Planning (YA AESOP); consulente tecnico-scientifico per l’Osservatorio Smart Cities di Roma e titolare di diverse borse post-doc presso il DICAAR dell’Università di Cagliari. È stata anche selezionata da Regional Studies Association (RSA) e dal Committee of the Regions (CoR) per far parte dell’Open Days  2014 University Master Class (ODU-MC) sul tema EU cohesion policy. Nel 2015 il suo progetto dal titolo  “Governing the smart city: a governance-centred approach to smart urbanism” è stato finanziato nell’ambito del programma Sir (Scientific independence of young researchers) del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca. Unica italiana ad essere stata selezionata come “international scientist” dal Ministero federale tedesco dell’Istruzione e della ricerca (BMBF) e dal Servizio di Scambio Accademico tedesco (DAAD) per partecipare al programma “Science Tour 2016: City of the Future – Research for Sustainable Urban Development” (Germania, 31 gennaio – 5 febbraio 2016). E' autrice di una produzione scientifica di oltre settanta pubblicazioni, tra monografie, atti di convegni, articoli su libri o su riviste nazionali o internazionali.

la dottoressa Chiara Garau
la dottoressa Chiara Garau

RIFERIMENTI E CONTATTI

  
Curriculum: http://people.unica.it/chiaragarau/curriculum/?lang=en
Orcid-ID: https://orcid.org/0000-0002-6239-5402
ResearchGate: https://www.researchgate.net/profile/Chiara_Garau
Scopus Author: https://www.scopus.com/authid/detail.uri?authorId=55544470000

University of Cagliari | DICAAR
Department of Civil and Environmental Engineering and Architecture
Via Marengo 3, 09123 Cagliari (Italy)
tel. +39 070 675 5565
email: cgarau@unica.it; chiara.garau@gmail.com

Last news

20 October 2021

L’Università di Cagliari accoglie altri due studenti di origine eritrea

UNICORE 3.0. Tiegisti e Nahom sono arrivati dall’Etiopia per seguire i corsi di UniCA grazie al progetto «University Corridors for Refugees» promosso dall’Agenzia Onu UNHCR e sostenuto in città dalla Caritas diocesana e dal College universitario Sant’Efisio di Cagliari, che collaborano con il nostro ateneo. Ieri la conferenza stampa presieduta dall’arcivescovo, monsignor Giuseppe Baturi, e dalla prorettrice all’internazionalizzazione, Alessandra Carucci

20 October 2021

Giornate Deleddiane, al via la tre giorni di iniziative

Aperte con l'intervento del Rettore Francesco Mola le manifestazioni organizzate dall'Università degli Studi di Cagliari, l'Istituto Superiore Regionale Etnografico e l'Università di Sassari per celebrare la scrittrice premio Nobel a 150 anni dalla nascita. "È un’iniziativa importante, che coinvolge i due Atenei e le scuole. Portare l’università fuori dall’università vuol dire accogliere la più grande parte del sapere: è uno sforzo che dobbiamo e vogliamo fare anche con Università di Sassari, tanto più dopo l’esperienza drammatica che abbiamo vissuto" queste le parole del Magnifico

Questionnaire and social

Share on: