Il valore dell’investimento in formazione e istruzione nell’arco della vita lavorativa è cresciuto con il tempo: il dato emerge dal Rapporto sulla Popolazione della Società Italiana di Statistica. Tra i curatori del volume Mariano Porcu, docente di Statistica sociale
01 February 2019
Un'immagine simbolo

Sergio Nuvoli

Cagliari, 1 febbraio 2019 - Tra poco meno di 20 anni nelle aule delle scuole italiane ci saranno, al netto del contributo alla popolazione studentesca dato dagli immigrati, 2 milioni in meno di studenti. Ma studiare a lungo conviene, e il valore di questo investimento è cresciuto nel tempo (nonostante il contemporaneo aumento percentuale della scolarità della popolazione). Questo vale sia per i redditi da lavoro dipendente (nell’ordine dell’8% per ogni anno di studio in più) sia per i redditi totali (rendimenti tra il 9 e il 14%, crescenti nel tempo). Questi vantaggi si osservano anche in riferimento alla probabilità di occupazione e alla dinamica dei redditi nell’arco della vita lavorativa.

Sono solo alcune evidenze ricavate dall'ultimo Rapporto sulla Popolazione presentato nei giorni scorsi all'Università Bocconi durante i Popdays2019, e curato da Gustavo De Santis e Elena Pirani, docenti di Demografia dell'Università di Firenze e Mariano Porcu, professore di Statistica Sociale dell'Università di Cagliari.

Mariano Porcu, docente alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche
Mariano Porcu, docente alla Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche

Il volume, edito da Il Mulino, fa parte della serie dei Rapporti biennalmente prodotti dall’AISP (Associazione Italiana Studi di Popolazione) della Società Italiana di Statistica. Il tema scelto per l’edizione 2019 è quello dell’istruzione, che p stata esaminata sotto vari profili: come è organizzata in Italia, come si è evoluta nel tempo, come è cambiata e cambierà in futuro l’utenza, quali aspetti problematici emergono (risorse investite e da parte di chi - pubblico o privato -, valutazione dei risultati, presenza straniera, aspetti differenziali, per territorio, genere, origine etnica, caratteristiche della famiglia di provenienza).

Hanno collaborato alla redazione del Rapporto studiosi in discipline di ambito statistico-demografico, sociologico e economico di diverse università italiane fra i quali Marco Pitzalis, professore di Sociologia dei processi culturali a Cagliari.

La copertina del volume presentato all'Università Bocconi nei giorni scorsi
La copertina del volume presentato all'Università Bocconi nei giorni scorsi

Last news

31 July 2021

UniCa apre le iscrizioni: scegli il tuo percorso

Per il nuovo anno accademico 40 corsi di laurea triennali, 6 corsi di laurea magistrale a ciclo unico e 37 corsi di laurea magistrale. Quest'anno si arricchisce l'offerta, anche in lingua inglese e con validità internazionale, per chi si immatricola per la prima volta e per chi prosegue gli studi a Cagliari. Tutte le novità, le informazioni sui test di selezione, le agevolazioni sulle tasse e i link ai corsi di studio delle nostre facoltà

26 July 2021

Presentati i nuovi corsi di laurea e i nuovi servizi

Illustrata alla stampa l'offerta formativa dell'Università degli Studi di Cagliari. Tra le novità, il corso di laurea triennale in Informatica applicata e data analytics e la laurea magistrale in Innovazione sociale e comunicazione. Riattivato il corso di Igiene dentale e incrementati i posti a disposizione per Assistenza sanitaria da 30 a 70. In apertura di conferenza stampa, le parole di vicinanza del Rettore Mola alle comunità colpite dai roghi e il ricordo del professor Luigi Concas. RASSEGNA STAMPA con i servizi dei TG

25 July 2021

DONA IL TUO 5x1000 ALL'ATENEO DI CAGLIARI

Per sostenere la ricerca in Sardegna e il lavoro dei nostri giovani studenti e ricercatori, nella dichiarazione dei redditi firma nel riquadro “Finanziamento agli enti della ricerca scientifica e dell’università” indicando il numero di codice fiscale 80019600925

Questionnaire and social

Share on: