Al via da domani una nuova iniziativa nell'ambito della rete di attività legate alla valorizzazione del patrimonio difensivo e militare, coordinate dall'Università degli Studi di Cagliari, Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura. Il progetto coinvolge Politecnico di Torino e Sapienza Università di Roma: gli studenti e i docenti provenienti dai tre atenei collaboreranno all’elaborazione di un progetto esplorativo comune sullo scenario futuro per l'importante monumento della Capitale
22 January 2019
Un particolare della locandina dell'iniziativa

Sergio Nuvoli

Cagliari, 22 gennaio 2019 - Prende avvio domani, mercoledì 23 gennaio, la nuova iniziativa nata nell'ambito di Military Landscapes, rete di attività legate alla valorizzazione del patrimonio difensivo e militare, coordinate dall'Università degli Studi di Cagliari, Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura.

L’iniziativa, organizzata con il Comando Regionale Lazio della Guardia di Finanza ha come partner il Politecnico di Torino - Dipartimento di Architettura e Design; Sapienza Università di Roma - Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio; la Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma e l’Istituto Italiano dei Castelli, Sezioni Sardegna e Veneto.

Donatella Rita Fiorino, docente del DICAAR, coordina le attività del workshop con Giovanni Marco Chiri
Donatella Rita Fiorino, docente del DICAAR, coordina le attività del workshop con Giovanni Marco Chiri

Il workshop - coordinato da Giovanni Marco Chiri e Donatella Rita Fiorino, docenti del DICAAR - si inserisce nel progetto di riscoperta e valorizzazione del Forte Aurelia, nell'ambito del più ampio scenario di tutela del Campo Trincerato di Roma, inteso come una importante occasione di sperimentazione scientifica e di formazione.

In particolare, nelle quattro giornate di attività in programma nei locali della Caserma Cefalonia Corfù sede del forte Aurelia, gli studenti e i docenti provenienti dai tre atenei collaboreranno all’elaborazione di un progetto esplorativo che approfondisce alcuni aspetti del progetto in corso, contribuendo così a delineare lo scenario futuro dell’importante monumento di Roma.

Tra i temi di esplorazione, la riconfigurazione del terrapieno per la costruzione di una sala polifunzionale, l’accessibilità e i percorsi di visita, le modalità espositive per la comprensione della ‘macchina militare’, obiettivi da conseguire attraverso soluzioni formali di qualità compatibili con il contesto storico-artistico nel quale si inserisce.

Giovanni Marco Chiri, docente del DICAAR: con Donatella Rita Fiorino coordina le attività del workshop
Giovanni Marco Chiri, docente del DICAAR: con Donatella Rita Fiorino coordina le attività del workshop

Attachments

Last news

17 January 2022

Psicologia della Salute, al via il nuovo bando

Pubblicato l'avviso per l'iscrizione alla scuola di specializzazione diretta da Marco Guicciardi. Le candidate e i candidati interessati potranno presentare le domande di partecipazione al concorso a partire dal 18 gennaio e sino al 7 febbraio, secondo le indicazioni contenute nella guida per l'iscrizione al concorso. LINK AL BANDO

15 January 2022

Le cere anatomiche di Clemente Susini in vetrina su Italia1

Oggi, in prima serata tv nazionale, la trasmissione Freedom-Oltre il confine è dedicata a uno dei principali e pregiati tesori dell'Università di Cagliari. Un viaggio tra le straordinarie opere scientifiche e artistiche custodite in Cittadella nel museo fondato da Alessandro Riva e curato dal suo allievo, Francesco Loy

14 January 2022

La solidarietà dell'Ateneo alla studentessa aggredita

L’Università di Cagliari supporta con forza la necessità di denunciare ogni episodio violento di cui si sia vittime o testimoni alle autorità competenti, con le quali conferma un rapporto di massima e fattiva collaborazione, e di promuovere e tenere vivo il dibattito pubblico su questi temi fondamentali per la tutela e l’esercizio dei diritti di cittadinanza sostanziale di tutte e tutti

Questionnaire and social

Share on: