Cerimonia in Aula magna mercoledì 25 luglio alle 11.30 nell'Aula magna del Rettorato. Prosegue con UniCa il progetto del Consiglio d'Europa, sostenuto dal Ministero dell’Istruzione, «European qualification passport for refugees»: l'importante documento sarà consegnato a giovani provenienti dal Senegal, dalla Guinea, dalla Nigeria, dal Mali, dal Marocco, dal Pakistan, dall’Algeria, dal Camerun e dalla Costa d’Avorio che nei giorni scorsi hanno superato le verifiche
25 July 2018
Il logo dell'iniziativa

di Sergio Nuvoli

Cagliari, 23 luglio 2018 - Il Rettore dell’Università di Cagliari, Maria Del Zompo, terrà mercoledì 25 luglio alle 10.30 nella Sala Consiglio del Rettorato (in via Università 40) una conferenza stampa per presentare il “Passaporto europeo per le qualifiche dei rifugiati”, che sarà consegnato subito dopo a 12 giovani che si trovano in Italia come richiedenti asilo, rifugiati o con permesso per motivi umanitari. La prof.ssa Del Zompo sarà affiancata da Alessandra Carucci, Prorettore all’Internazionalizzazione, che ha curato tutta l’iniziativa, e da alcuni dei rifugiati che hanno ottenuto il passaporto.

Si tratta del progetto del Consiglio d'Europa, sostenuto dal Ministero dell’Istruzione, «European qualification passport for refugees» (Eqpr) che per la prima volta viene sperimentato in Italia: il Passaporto è un documento che contiene la valutazione delle qualifiche accademiche dei rifugiati che hanno conseguito un titolo finale di scuola secondaria o universitario ma che non hanno con sé la relativa documentazione per dimostrarlo. Contiene anche informazioni sulle esperienze lavorative e sulle competenze linguistiche dell’individuo. In questo modo, ai rifugiati che hanno richiesto il riconoscimento dei propri titoli e di poter continuare gli studi all’Università di Cagliari viene riconosciuta la possibilità di farlo.

Subito dopo la conferenza stampa, il Passaporto sarà consegnato – nel corso di una cerimonia in Aula magna - a 12 giovani che hanno superato positivamente le verifiche curate dal CIMEA (l’organismo che si occupa della procedura) e dai valutatori di UniCa e di altri atenei: provengono dal Senegal, dalla Guinea, dalla Nigeria, dal Mali, dal Marocco, dal Pakistan, dall’Algeria, dal Camerun e dalla Costa d’Avorio. L’Università di Cagliari, nell’ambito di questo progetto, li affianca nel cammino dell’integrazione.

Links

Last news

29 November 2021

Pietro Ciarlo Costituzionalista emerito

Il docente è stato nominato a larga maggioranza dal dipartimento di Giurisprudenza. A breve, il parere del Senato accademico e la formalizzazione del ministero. Tra gli esperti di diritto costituzionale, già preside e prorettore dell’Università di Cagliari, in quarant’anni di ricerca, consulenze e indirizzo ha affrontato i temi più caldi e dibattuti. Tra questi, federalismo, riforma della Costituzione, epidemia e didattica, legislazione regionale. Consulente di enti pubblici e governativi, da commissario ad acta nel 1995 ha curato la nomina dei direttori generali delle Asl sarde

29 November 2021

Webinar sul progetto ‘‘Acuadori’’

Venerdì 3 dicembre, con inizio alle 10,30 il seminario online riguardante la Piattaforma ICT per la gestione sostenibile dell'acqua destinata alla vitivinicoltura di qualità. Il professor Massimo Barbaro, del Dipartimento di Ingegneria elettrica ed elettronica, quale responsabile scientifico del progetto per l’Università di Cagliari è nel team di cui fanno parte anche Costantino Sirca (Università Sassari), Katiuscia Zedda (Abika), Roberta Pilloni (Cantine Su’Entu) e Federico Razzu (Viticoltori Romangia). DIRETTA WEB sul canale YouTube di UniCa

29 November 2021

«Tecnologia è Biologia», una conferenza alla Fondazione di Sardegna

Venerdì 3 e sabato 4 dicembre dalle 18, nella sala conferenze della Fondazione di Sardegna a Cagliari, si svolgerà l'iniziativa dedicata alla conoscenza nell'era digitale con il coordinamento scientifico di Silvano Tagliagambe, l'organizzazione di Kitzanos e EjaTv, il sostegno della Fondazione e il patrocinio dell'Università degli Studi di Cagliari. Previsti gli interventi del Magnifico Rettore, Francesco Mola, e della viceministra allo Sviluppo economico, Alessandra Todde. RASSEGNA STAMPA

28 November 2021

Cultura, formazione, supporto e inclusione per dire basta alla violenza sulle donne

Amministratori pubblici, docenti, magistrati, legali, giornalisti e associazioni di categoria assieme in un confronto utile ad innescare pratiche concrete e virtuose su un fenomeno dai numeri agghiaccianti: 109 “muliericidi” solo nel corso di quest’anno. In aula consiglio a Sestu le riflessioni di Maria Paola Secci, Ilaria Annis, Paolo De Angelis, Cristina Ornano, Elisabetta Gola, Antioco Floris, Susi Ronchi, Daniela Pinna e Valeria Aresti

Questionnaire and social

Share on: