La seconda edizione del concorso rivolto a studentesse e studenti delle Università italiane, ispirato agli studi e ai progetti della giovane ricercatrice veneziana su “Il talento femminile come fattore determinante per lo sviluppo dell’economia, dell’etica e della meritocrazia nel nostro Paese”. Candidature aperte fino al 31 luglio 2018
17 July 2018
Valeria Solesin, l'unica italiana tra le 93 vittime dell'attentato al Bataclan del 2015

di Valeria Aresu

Cagliari, 11 luglio 2018 – Allianz Worldwide Partners e Il Forum della Meritocrazia lanciano la seconda edizione del Premio Valeria Solesin: il concorso ispirato agli studi di Valeria Solesin, la giovane ricercatrice tragicamente scomparda il 13 novembre 2015 nell’attentato al teatro Bataclan di Parigi. Il progetto è aperto a studenti e studentesse  che abbiano sostenuto una tesi di laurea sul tema “Il talento femminile come fattore determinante per lo sviluppo dell’economia, dell’etica e della meritocrazia nel nostro paese”, fortemente connesso agli studi della giovane ricercatrice di Venezia.

Per i vincitori sono previsti premi in stage e denaro per un valore complessivo di 42mila euro, messi a disposizione dalle aziende e dalle associazioni che hanno sostenuto il progetto: Allianz Worldwide Partners Gruppo Cimbali, MM, Bosch, Sanofi, SAS, TRT Trasporti e Territorio, Zurich Assicurazioni, Albè e Associati, Boscolo, EY, Suzuki, Lablaw Studio Legale Failla Rotondi & Partners, AISP/SIS (Associazione Italiana per gli Studi di Popolazione, Società Italiana di Statistica). La premiazione si svolgerà il 27 novembre 2018 a Milano.

Il premio Valeria Solesin è aperto a studentesse e studenti che abbiano discusso, presso qualsiasi ateneo italiano, una tesi per il conseguimento di una Laurea Magistrale. Possono partecipare tutti coloro che abbiano conseguito il titolo tra 01/01/2016 e 31/07/2018 in uno dei seguenti ambiti disciplinari: Economia, Sociologia, Giurisprudenza, Scienze Politiche, Statistica e Demografia. La candidature sono aperte e il termine ultimo per la presentazione dei lavori è il 31/07/2018.

La locandina della seconda edizione del Premio Valeria Solesin
La locandina della seconda edizione del Premio Valeria Solesin

Attachments

Links

Last news

16 May 2022

Amazon Women in Innovation, assegnata la borsa di studio

E' Giorgia Orofino, studentessa nel corso di Ingegneria elettrica, elettronica e informatica, la vincitrice della selezione promossa per il secondo anno dalla sede italiana dell'azienda multinazionale in collaborazione con l'Università degli Studi di Cagliari. L'iniziativa fa parte parte del programma Amazon nella Comunità, creato per incentivare e aiutare le giovani donne a intraprendere un percorso di studi e a soddisfare la propria ambizione di lavorare nel settore dell’innovazione e della tecnologia

16 May 2022

Due nuove iniziative per #UniCa4Ukraine

Continua l'impegno dell'Ateneo per sostenere studentesse, studenti, docenti e personale tecnico-amministrativo ucraini. Nell'ambito del progetto Smile Now sono messe a bando 10 borse di studio per la componente studentesca e all'interno dei progetti Erasmus sarà possibile offrire nuove opportunità di mobilità anche per i componenti dello staff universitario ucraino. RASSEGNA STAMPA

15 May 2022

Un lunedì dai tratti speciali: anche l’Università di Cagliari in campo per la Giornata internazionale della luce

Dalle fibre ottiche all'Einstein telescope fino al fotovoltaico. Tra ricerca, tecnologie e conoscenza per un futuro dietro l’angolo. Quattro seminari curati dal corso di studi e dal dottorato in Fisica dell’ateneo per un evento di eccellente pregio accademico e scientifico. “Un'ottima occasione di confronto e approfondimento su scala mondiale. Il nostro ateneo è sempre più vicino alle dinamiche di sviluppo della disciplina" dice Luciano Colombo. All'interno il link per la diretta Zoom

13 May 2022

Salute mentale, ricerca e buone pratiche: l’Università di Cagliari è centrale in ambito mediterraneo

Si è chiuso con successo il confronto, curato dagli specialisti del dipartimento di Scienze mediche e sanità pubblica. “Abbiamo affrontato le conseguenze della pandemia, il problema dei diritti umani, il supporto a migranti e rifugiati, l’impiego delle nuove tecnologie in ambito biomedico" dice Mauro Carta. I lavori hanno avuto per oggetto anche la prevenzione del suicidio e i disturbi dell’umore

Questionnaire and social

Share on: