Venerdì 25 maggio il via al Festival delle arti visive, con “50 e oltre. Paese Museo, l’utopia possibile”, il convegno nato dalla sinergia della Fondazione Sciola con l'Università: interverranno Pamela Rita Ladogana, Giuseppe Marci, Marco Pignotti e Barbara Cadeddu. L'attualità delle intuizioni dell'artista di San Sperate spiegata dai docenti dell'Ateneo
24 May 2018
Barbara Cadeddu, Pamela Rita Ladogana, Marco Pignotti e Giuseppe Marci

di Sergio Nuvoli e Valeria Aresu

Cagliari, 24 maggio 2018 – Il Festival Sant’Arte si aprirà venerdì 25 con un convegno di studi dal titolo “50 e Oltre. Paese Museo, l’Utopia possibile”, organizzato da Comune di San Sperate con la collaborazione di Fondazione Pinuccio Sciola e Associazione Noarte Paese Museo e - per la parte del mattino - coordinato dall’Università di Cagliari. Parteciperanno all’incontro, che si terrà nel Teatro Comunale di San Sperate a partire dalle 10, studiosi della storia dell’arte, protagonisti di allora e gli attori per i nuovi scenari che oggi attendono l’idea di Paese Museo.

Pamela Rita Ladogana, Giuseppe Marci, Marco Pignotti e Barbara Cadeddu, docenti del nostro ateneo, attraverso i loro interventi, metteranno in luce come l’arte e l’opera di Pinuccio Sciola possano diventare strumenti di crescita sociale sul piano critico, intellettuale e urbano.

La sessione mattutina prevede una riflessione sul Paese Museo alla luce di una contestualizzazione nel panorama delle pratiche artistiche italiane coeve, approfondimenti e riflessioni sulla figura di Pinuccio Sciola e due omaggi a Gillo Dorfles e Cenzo Porcu, recentemente scomparso, testimone e artefice anche lui degli anni della calce.

Nella sessione pomeridiana si affronterà il tema dell’Arte come pratica relazionale, propulsore territoriale e strumento di rinascita, creando un parallelo tra San Sperate ed altre esperienze nazionali ed internazionali, studiate o talvolta vissute in prima persona dai relatori che, nel corso degli anni, hanno avuto modo di collaborare attivamente con il Paese Museo.

Links

Last news

30 May 2022

Orientamento universitario a Massama e Uta

DIRITTO ALLO STUDIO IN CARCERE. Martedì 31 maggio, dalle 9,30, i responsabili dei corsi di laurea dell’ateneo di Cagliari saranno nella casa di reclusione di Massama (Oristano) per una giornata di orientamento coordinata da Cristina Cabras, delegata del rettore per il Polo universitario penitenziario (Pup) di UniCa. All’incontro con i detenuti, insieme alla direttrice della struttura, Luisa Pesante, anche le professoresse Valentina Onnis, prorettrice orientamento e alumni, e Donatella Petretto, delegata per integrazione sociale e diritti persone con disabilità. Nelle prossime settimane l’appuntamento si ripeterà nella Casa circondariale di Uta (Cagliari)

28 May 2022

Così sopravvive il super batterio anti-radiazioni

Dallo studio guidato dai ricercatori dell’Università di Cagliari Dario Piano e Domenica Farci e realizzato da un network internazionale di studiosi arriva nuova luce su un organismo capace di resistere ad una dose di radiazioni gamma 15mila volte superiori a quelle sufficienti ad uccidere un uomo. Possibili applicazioni in biomedicina per lo sviluppo di antibiotici di nuova generazione e nelle nanotecnologie per lo sviluppo di nuovi biomateriali. RASSEGNA STAMPA

28 May 2022

Economia, ecco cosa ci ha insegnato la crisi

Dalla presentazione del Rapporto CRENoS gli spunti per la ripresa. Emergono alcuni insegnamenti: la dimensione piccola delle imprese espone a maggiori rischi, ma anche una elevata specializzazione produttiva aumenta il rischio. Va poi tenuta in considerazione l’importanza dei servizi pubblici, non solo sanitari. C’è, infine, un disallineamento delle competenze. “Tutto ciò è risaputo, ma non sempre chi disegna le politiche economiche sembra esserne consapevole”, ha avvertito Gianfranco Atzeni, docente di Economia politica dell’Università di Sassari e coordinatore del Rapporto 2022. RASSEGNA STAMPA

28 May 2022

Storia, ricerca, anatomia: lo straordinario pregio delle cere di Clemente Susini

Fiore all'occhiello dell'ateneo, ospitate in CIttadella dei musei e patrimonio dell'Università di Cagliari, sono state visitate da una delle massime autorità mondiali del settore, Amy Ladd. "Opere assolutamente spettacolari e inarrivabili" ha detto stamani la docente a Stanford e chirurgo ortopedico a Palo Alto. La scienziata è stata accompagnata da Alessandro Riva, Luciano Colombo e Francesco Loy

Questionnaire and social

Share on: