Incidenza ed estensione del code-mixing come variabile sociolinguistica

Ciccolone Simone
Second
;
2018

Abstract

Questo contributo parte dall’ipotesi che la modalità di discorso bilingue (bilingual mode, cfr. Grosjean 1998) presenti tratti linguistico-strutturali ricorrenti (nel senso di schemi mistilingui) e possa perciò essere identificata come varietà linguistica. Nella nostra ipotesi, la tipologia di fenomeni di enunciazione mistilingue usati dai singoli parlanti varia in modo sistematico in relazione a fattori diastratici e diafasici, che possono rendere più o meno favorevole l’attivazione del bilingual mode. L’analisi proposta intende evidenziare la relazione tra parametri di variazione diastratica e fattori strutturali (estensione dello switch), funzionali (istituzione di referente, marca testuale o interazionale) e distribuzionali (frequenza relativa nelle produzioni linguistiche dei parlanti bilingui) di un campione di fenomeni di code-mixing e fattori diastratici estratti dal corpus Kontatto, un corpus di parlato bilingue italiano-tedesco raccolto in Alto Adige.
Files in This Item:
File Size Format  
21 DalNegro-Ciccolone 2018 - Incidenza ed estensione del code mixing come variabile sociolinguistica.pdf

Solo gestori archivio

Description: Versione PDF-A completa
Type: versione editoriale
Size 437.05 kB
Format Adobe PDF
437.05 kB Adobe PDF & nbsp; View / Open   Request a copy

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.

Questionnaire and social

Share on:
Impostazioni cookie