Department of Literature, Languages and Cultural Heritage

Professore associato del SSD L-ART/06, cinema, fotografia e televisione, presso il Dipartimento di Storia, Beni culturali e Territorio dell’Università di Cagliari, Antioco Floris insegna Linguaggi del cinema, della televisione e dei new media a Scienze della comunicazione e Linguaggi dell’immagine a Scienze della formazione primaria. È anche Direttore del centro di ricerca per l’educazione ai linguaggi del cinema, degli audiovisivi e della multimedialità CELCAM e del master interateneo per Filmmaker. Fa parte dello staff del Rettore come responsabile scientifico e tecnico per la comunicazione e l’orientamento ed è membro del consiglio d’amministrazione dell’Ente regionale per il diritto allo studio (ERSU).
È condirettore della rivista scientifica «L’avventura. International Journal of Italian Film and Media Landscapes», pubblicata dall’editore Il Mulino, ed è componente dell’Academy board di «GAME. The Italian Journal of Game Studies».
Dal 1998 al 2010 ha insegnato Storia e critica del cinema alla Facoltà di Scienze della formazione dell’Ateneo cagliaritano e nella stessa facoltà dal 2003 al 2011 ha tenuto i corsi di Educazione all’immagine. È stato direttore del Master per Esperti in gestione, conservazione e restauro di prodotti audiovisivi e multimediali, membro del Consiglio d’amministrazione e del Senato accademico allargato dell’Ateneo, presidente della Biblioteca del Distretto delle Scienze Umane.
In passato ha lavorato per molti anni alla Cineteca Sarda, ha coordinato le attività culturali dell’Ente regionale per il diritto allo studio universitario di Cagliari (ERSU) ed è stato vicepresidente nazionale della Federazione italiana circoli del cinema (FICC). È membro della Consulta Universitaria del Cinema (Cuc) e dell’Associazione italiana di ricerche sulla storia del cinema (Airsc), critico cinematografico e giornalista pubblicista.
I suoi interessi di ricerca negli anni recenti si sviluppano essenzialmente in tre direzioni: il cinema nella Germania nazista, in particolare l’opera della documentarista Leni Riefenstahl; la produzione cinematografica legata alla Sardegna e le problematiche dell’identità nel cinema locale; l’educazione all’immagine e la formazione al cinema e agli audiovisivi, sia in ambito professionale che scolastico e universitario. Su questi temi ha pubblicato saggi e volumi e partecipato a diversi progetti di ricerca. Ha partecipato, inoltre, in qualità di relatore a convegni internazionali in Italia e all’estero e di recente ha coordinato il convegno internazionale “Estetica, identità e industria culturale del cinema locale. Sardegna e periferie europee dagli anni Novanta a oggi” svoltosi a Cagliari nel dicembre 2015.
Nell’ambito dell’impegno didattico e di ricerca svolge attività di produttore cinematografico e filmmaker. Ha prodotto infatti diversi documentari e cortometraggi (fra questi alcuni diretti da Salvatore Mereu ed Enrico Pau) e realizzato vari documentari e videoinstallazioni presentati a mostre e rassegne fra le quali l’EXPO di Milano, il Torino Film Festival e la Mostra internazionale d’arte cinematografica Biennale di Venezia.

 

Questionnaire and social

Share on: