Il primo progetto di Ateneo sulle questioni di genere finanziato nell'ambito del programma Horizon 2020

Visual identity del progetto SUPERA realizzata da Stefano Asili

SUPERA è un progetto finanziato dal programma Horizon 2020 grazie al quale 6 enti di ricerca europei (4 Università e 2 enti che finanziano la ricerca) stanno sviluppando dei piani che contribuiranno al superamento delle disparità legate al genere nel mondo accademico. 

Ancora oggi, il modo nel quale la conoscenza scientifica viene progettata e sviluppata risente delle disuguaglianze di genere che interessano la nostra società nel suo complesso. Se i metodi di ricerca non tengono nella necessaria considerazione le variabili legate al genere, i risultati scientifici ne risentono. Risultati più poveri portano a opportunità perse per tutti e tutte noi.

Se la parità di genere significa assicurare uguali diritti, responsabilità e opportunità a tutte le persone a prescindere dal loro genere, il focus del progetto SUPERA è la parità di genere nella ricerca scientifica e nelle carriere accademiche perché il settore della ricerca e della formazione superiore ha peculiarità che richiedono azioni specifiche per riuscire a superare il cosiddetto “gender gap”.

In linea con questa premessa, stiamo lavorando su 4 aree di azione, seguendo le priorità stabilite dalla Commissione europea: reclutamento, selezione e progressioni di carriera; leadership e processi decisionali; dimensione di genere nei contenuti di ricerca e didattica; gender bias, stereotipi e molestie.

Lo scopo di un piano per la parità di genere può variare anche sensibilmente a seconda del tipo di organizzazione, del contesto, delle principali aree disciplinari coperte e del tipo di diseguaglianze di genere riscontrate in fase di analisi. I piani personalizzati, volti al superamento delle diseguaglianze e dei pregiudizi e finalizzati la lotta alle discriminazioni negli ambienti di ricerca, saranno sviluppati durante un lavoro di 4 anni: SUPERA è infatti iniziato a giugno 2018 e si concluderà a maggio 2022.

L’iniziativa sta consentendo a ricercatrici e ricercatori di UniCa afferenti a vari dipartimenti, accomunati dall’interesse scientifico per i temi di genere, di lavorare insieme a un progetto multidisciplinare volto al miglioramento del benessere organizzativo nell’intero ateneo. Si tratta di progetto di ateneo dai risvolti pratici e concreti, che prevede la partecipazione di tutte le componenti della comunità universitaria sin dalla fase iniziale di analisi.

Incontri di presentazione

Evento di presentazione all'ateneo. Università di Cagliari, 14/01/2019.

Incontro di presentazione al Gender equality Hub di Unica. Università di Cagliari, 8/05/2019.

Presentazione all'ateneo dei risultati dell'analisi di partenza. Università di Cagliari, 10/07/2019.

Comunicazione e disseminazione

Notte europea dei ricercatori (2018 e 2019)

European Conference for Gender equality in Higher Education. Trinity College, Dublino, 20-22 agosto 2018.

Conferenza internazionale “Inequality vs inclusiveness in changing academic governance: policies, resistances, opportunities”. Napoli, Università degli studi Federico II 16-17 settembre 2019

Ascolto e analisi, eventi partecipativi

Analisi di partenza: analisi documentale, studio dei dati in collaborazione con tutte le Direzioni, diffusione di un questionario rivolto a personale e studenti/studentesse. Gennaio-marzo 2019.

Primo evento partecipativo con studenti e studentesse dei corsi di dottorato sui problemi di genere nel percorso di carriera. Università di Cagliari, 4 ottobre 2019

In programma:

28-29 ottobre 2019: visita in loco del prof. Maxime Forest (Sciences Po, Parigi) responsabile delle attività di monitoraggio interno del progetto. Workshop tecnico in collaborazione con RAS.

Focus group con i Direttori/Direttrici di dipartimento sulle disparità di genere. Università di Cagliari, 29 ottobre 2019

 

 

Silvia Balia, Dip. Scienze economiche e aziendali

Barbara Barbieri, Dip. Scienze sociali e delle istituzioni

Cristina Cabras, Dip. Pedagogia, Psicologia, Filosofia

Paola Carboni, Direzione per la ricerca e il territorio, leader del work package "Communication, engagement and sustainability"

Ester Cois, Dip. Scienze sociali e delle istituzioni

Paola Fadda, Dip. Scienze Biomediche e CUG - Comitato unico di garanzia

Francesco Mola, Dip. Scienze economiche e aziendali, presidente CUG - Comitato unico di garanzia e Prorettore vicario

Luigi Raffo, Dip. Ingegneria elettrica ed elettronica, Delegato progetti di ricerca internazionali e responsabile scientifico di SUPERA

Simona Scalas, Direzione per la ricerca e il territorio, Settore Supporto progetti EU/USA

Giovanni Sulis, Dip. Scienze economiche e aziendali

Universidad Complutense de Madrid (Spagna) (Coordinatore, organismo di ricerca)

Università degli studi di Cagliari (Italia, organismo di ricerca)

Central Europe University (Ungheria, organismo di ricerca)

Centro de Estudios sociais (Portogallo, organismo di ricerca)

Regione autonoma della Sardegna (Italia, ente che finanzia la ricerca)

Ministerio de Ciencia, Innovación y Universidades (Spagna, ente che finanzia la ricerca)

Sciences Po Paris (Francia, partner tecnico responsabile del training e dello sviluppo di competenze)

Yellow Window (Belgio, partner tecnico responsabile del monitoraggio interno)

Il sito di progetto www.superaproject.eu

Twitter https://twitter.com/SUPERAproject

Slideshare https://www.slideshare.net/SUPERAproject

Mendeley - gruppo pubblico "Gender equality in research and  academia": https://www.mendeley.com/community/supera-h2020/

Prof. Luigi Raffo raffo@unica.it.

Questionnaire and social

Share on: